Iscriviti

Kasia Smutniak, mamma orgogliosa di Sophie: "Ha rifiutato un film per la scuola, ho pensato fosse una follia"

L'attrice Kasia Smutniak si racconta nel corso di una recente intervista, svelando alcuni particolari del rapporto con la figlia Sophie, ma lanciando anche delle frecciatine a Matteo Salvini.

Gossip
Pubblicato il 12 novembre 2018, alle ore 11:29

Mi piace
4
0
Kasia Smutniak, mamma orgogliosa di Sophie: "Ha rifiutato un film per la scuola, ho pensato fosse una follia"

Kasia Smutniak, attrice ed ex compagna del compianto attore ed ex gieffino Pietro Taricone – morto nel 2010 a causa di un incidente aereo -, è tornata a far parlare di sé per alcune dichiarazioni rilasciate nel corso di una recente intervista, dove tra le tante cose ha parlato anche del rapporto con la Sophie.

L’attrice però non si è soffermata soltanto ai rapporti familiari, sottolineando l’importanza  di poter esprimere se stessi a qualsiasi età, perché nel corso dell’intervista ha lanciato anche delle frecciatine al vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, prendendo così delle posizioni precise sull’odio razziale.

Kasia ed il rapporto con Sophie

La celebre attrice ha raccontato al settimanale “Grazia” il suo rapporto con i due figli – Sophie di 14 anni e Leone di 4 anni – sottolineando sulla capacità di giudizio della primogenita – avuta da Pietro Taricone – che è già in grado di valutare una sceneggiatura. Una cosa non da poco considerata la giovane età.

Sophia e Kasia hanno un rapposto molto bello e complice, infatti l’attrice dichiara che non c’è alcun rapporto conflittuale con la figlia e che vanno d’amore e d’accordo. Ma ciò che tiene a sottolineare l’attrice è che la figlia ha già manifestato una certa bravura ed attitudine per il mestiero di attore, tanto da dire che: “Pur essendo così giovane, sa giudicare se una sceneggiatura è buona oppure no. Recentemente le hanno proposto un ruolo in un film, ma ha rinunciato per non perdere la scuola. Lì per lì ho pensato che stesse facendo una pazzia, che non si può gettare via un’occasione. Poi mi sono ricreduta: se vorrà fare l’attrice, sceglierà il momento in cui si sente davvero pronta“.

Kasia Smutniak sin da piccola ha avuto degli insegnamenti che l’hanno messa in guardia dalle molestie, rivelando che in gioventù non aveva mai indossato una minigonna, cosa che l’ha in parte condizionata anche oggi nelle sue scelte, tanto da soffocare la sua femminilità e preferire un look più casual. 

Un atteggiamento diverso, invece, nei confronti dei figli, tanto che Kasia ammette: “Li sto educando in maniera paritaria sotto tutti i punti di vista. Sto provando a trasmettere a entrambi, nella stessa misura, il desiderio di essere se stessi” – quindi aggiunge – “Mia figlia deve sentirsi libera di mettere la minigonna senza temere di essere importunata“.

Oltre ai figli, l’attrice polacca ha poi parlato anche della delicata questione dell’immigrazione in Italia, gettando non poche frecciatine nei confronti del ministro Matteo Salvini: “Ho vissuto in tanti Paesi, mi considero un po’ zingara, ma di un fatto sono certa: in Italia non c’è odio razziale, anche se qualcuno vorrebbe convincerci del contrario“. Poi la Smutniak ricorda di come è stata accolta in Italia, un Paese meraviglioso che l’ha accolta a braccia aperte, dove ha trovato il successo ma anche l’amore.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tiziana Terranova

Tiziana Terranova - Mi sembra che tra madre e figlia la più saggia sia proprio la piccola Sophie. Ma come si può pensare ad incentivare un figlio a lasciare la scuola per fare un film, considerandolo un'occasione irripetibile? Ma per favore, siamo seri almeno per una volta: lo studio deve venire prima di ogni cosa.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!