Iscriviti

Judi Dench spezza una lancia a favore di Weinstein e Spacey: “Non si può negare il talento”

Le ultime dichiarazioni di Judi Dench stanno facendo molto discutere. Per l’attrice inglese gli scandali per molestie non devono minimamente offuscare il lavoro di due celebrità come Harvey Weinstein e Kevin Spacey.

Gossip
Pubblicato il 29 giugno 2019, alle ore 12:31

Mi piace
11
0
Judi Dench spezza una lancia a favore di Weinstein e Spacey: “Non si può negare il talento”

Con i suoi 84 anni, il premio Oscar Judi Dench è considerata una leggenda vivente del mondo dello spettacolo inglese. Divenuta famosissima per aver interpretato il ruolo di M nella saga di James Bond, ultimamente sta combattendo con una grave forma di maculopatia, una degenerazione della retina che non le permette di leggere, o più semplicemente di riconoscere il volto delle persone.

Pur alle prese con questa patologia, Judi Dench ha voluto rispondere ad alcune domande poste dai giornalisti del magazine The Radio Times. Quando l’oggetto dell’intervista si è focalizzato sullo scandalo molestie sessuali e sulla conseguente nascita del movimento #Metoo, la regista teatrale ha voluto prendere le difese di Harvey Weinstein e di Kevin Spacey.

Parlando dei crimini di cui il produttore e l’attore sono accusati, e che in nessun caso si possono condividere, Judi Dench ha fatto presente che sarebbe però opportuno separare quello che è il giudizio sul loro comportamento, da quelle che sono le loro opere. “Cosa facciamo?”, si è domandata l’attrice, “non andiamo più a vedere le produzioni di Weinstein oppure per Spacey neghiamo gli splendidi film che ha fatto e i dieci anni come direttore artistico del teatro Old Vic?”.

Ricordando quindi che entrambi sono suoi cari amici, Judi Dench ha precisato che “non si può negare il talento”. Per enfatizzare il suo punto di vista, è arrivata a chiedersi se “forse non dovremmo più ammirare Caravaggio perché sappiamo che era un assassino?”. Quindi arriva a concludere che sarebbe opportuno mantenere una netta distanza tra quello che è la persona nel suo privato e quelle che sono le sue opere.

È proprio per questo motivo che ci tiene a ribadire che Kevin Spacey è un attore meraviglioso, e la precisa richiesta di Ridley Scott di sostituirlo nel film “Tutti i soldi del mondo” si è rivelata una scelta grottesca. “Ma che razza di agonia è mai questa?”, ha tuonato l’attrice, che ha concluso che di questo passo verranno eliminati dalla memoria tutte le persone che nella loro vita hanno infranto la legge, oppure si sono più semplicemente comportate male.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Il punto di vista di Judi Dench non mi sembra così sbagliato. Se quanto visto nel mondo del cinema fosse applicato specularmente nel calcio, a quel punto dovremmo cancellare il nome di un campione come Maradona da giornali e almanacchi, oscurando la sua presenza nei filmati in cui si distingueva con le sue giocate e i suoi gol. Del resto anche lui è un criminale in quanto faceva uso di sostanze stupefacenti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!