Iscriviti

Gino Strada insulta Salvini "un ministro sbirro razzista" e annuncia che lascerà l’Italia. I social scatenati: "Vattene"

Intervistato a "Mezz'ora in Più", Gino Strada, il fondatore di Emergency, ha attaccato duramente il governo in carica, il M5s, la sinistra italiana, rivelando un suo intento futuro.

Gossip
Pubblicato il 12 giugno 2018, alle ore 10:17

Mi piace
8
0
Gino Strada insulta Salvini "un ministro sbirro razzista" e annuncia che lascerà l’Italia. I social scatenati: "Vattene"

Gino Strada, il fondatore di Emergency, non ha tradito se stesso e durante Mezz’ora in Più, il programma condotto da Lucia Annunziata, ha sbottato: “La politica di Minniti era pagare degli assassini per dire assassinatevi pure ma non a casa nostra. C’è continuità di intenti con il suo successore Salvini. Non hanno considerazione delle vite umane”.

Ha sostenuto, inoltre, che Minniti ha utilizzato la politica per mettere in atto una guerra contro i migranti e che Matteo Salvini vuole portare avanti la sua opera: “Io spero che l’opera di Salvini finisca come quella di Minniti, nel nulla”Gino si dice sconcertato da ciò che sta accadendo in Italia e che a 70 anni non si aspettava di vedere seduti sullo scranno ministri dell’Interno razzisti o sbirri.

Secondo Strada il termine “pacchia“, utilizzato dal neo ministro dell’Interno in riferimento ai migranti, è stato inopportuno e osceno, pronunciato da un uomo che in miniera non ha mai lavorato: secondo il suo pensiero questa guerra tra poveri vigente in Italia è triste, assurda, perchè nessun migrante porta via il lavoro, gli sbarchi sono calati del 70 per cento e non vi è stato alcun effetto sui tassi di occupazione.

A proposito del Movimento 5 stelle il medico attivista ha sentenziato che sono in evidente trasformazione e che se avessero detto prima delle elezioni di voler andare al governo con la Lega non avrebbero certamente mai preso il 32 per cento di voti: secondo il fondatore di Emergency, quindi, hanno preso in giro i cittadini, attuando il famoso inciucio nelle stanze segrete.

In merito alla proposta del neo ministro dell’Interno di ridurre i 5 miliardi previsti per l’accoglienza dei migranti ha sostenuto che non è pensabile non aiutarli, perchè ci confermeremmo dei barbari e dei coglioni, aggiungendo che questo clima razzista sta causando un abbrutimento sociale che richiederà intere generazioni per essere recuperato. “Pensare che la Lega sia in un governo di rinnovamento… me lo ricordo io Bossi urlacchiare in giro… mi sembra una roba vecchia. Sono stanco. Vorrei andare via dall’Italia“.

Sui social la risposta è giunta tempestiva, in molti hanno sostenuto la sua idea: “Vattene. Chi ti trattiene?”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Lanzini

Chiara Lanzini - Per Gino Strada pare che sia tutto bianco o nero, che le sfumature non esistano. Regolamentare un'immigrazione senza freni non può essere considerato un atto razzista, la civile Australia, da anni, ha chiuso le proprie frontiere, accoglie seguendo regole ferree e rigorose. Credo che il fondatore di Emergency persegua solamente la sua causa senza porre attenzione alla realtà che lo circonda.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

15 giugno 2018 - 18:40:27

Tra l'altro sono anni che minaccia di andarsene...

0
Rispondi