Iscriviti

Fabrizio Corona, l’ultima provocazione: in posa con due pistole in mano

L'ex re dei paparazzi Fabrizio Corona ha pubblicato un post sul suo profilo Instagram che sta alimentando molte polemiche oltre all'indignazione del popolo del web.

Gossip
Pubblicato il 12 febbraio 2019, alle ore 10:40

Mi piace
7
0
Fabrizio Corona, l’ultima provocazione: in posa con due pistole in mano

Fabrizio Corona è nuovamente al centro dell’attenzione mediatica a causa di un suo recente post pubblicato sul suo profilo nel noto social network di Instagram, dove è apparso con una posa provocatoria, brandendo due armi da fuoco – due pistole -, con su scritto in rosso il suo nuovo marchio commerciale “Adalet”.

L’ultima trovata di Fabrizio Corona – che ricordiamo sta finendo di scontare la sua pena affidato ai servizi sociali – per far parlare di sé è quella di farsi ritrarre armato di pistola, anzi di due pistole, con braccia incrociate in stile giustiziere. E l’opinione pubblica s’indigna davanti a questa sua ultima bravata, che ha più il sapore dell’ennesima provocazione.

Fabrizio Corona provoca: la reazione del web

Neanche qualche mese fa Fabrizio Corona è stato aggredito in un contesto molto delicato e pericoloso, cioè quello di una delle piazze di spaccio di sostanze illecite più tristemente conosciute in Italia, ovvero quella del boschetto di Rogoredo a Milano. Un luogo – è bene precisare – dove Fabrizio si era recato solo per effettaure una sorta di reportage per la trasmissione di Massimo Giletti “Non è l’Arena”, per documentare da ex dipedente di sostanze illecite il calvario ed il dramma delle persone che vivono questo tipo di realtà.

Un gesto quello di Corona che se da un lato aveva messo a repentaglio la sua stessa vita, dall’altro aveva sollevato non poche polemiche, che sono niente al pari di quelle sollevate dal suo ultimo post su Instagram   dove lo si vede ritratto con due pistole in mano a corredo del quale le sue parole molto dure: “Giustizia! Ma non quella che il nuovo governo prova a far passare, che porterebbe solo danni e guerra inutile, ma giustizia cercata e ottenuta grazie alla determinazione e alla lotta per i propri diritti”.

Fabrizio Corona sente molto il peso dell’ingiustizia sulla sua pelle, tanto da continuare il suo commento scrivendo: “Le pistole sono la metafora delle mie parole”. Chissà se dietro alle parole di Corona ci sia un velato messaggio nei confronti delle azioni di rafforzamento della legittima difesa attuato dal governo su input del partito di maggioranza della Lega e del suo leader nonché vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini oppure un’abile strategia di market che punta solo alla provocazione pur di far parlare di sé e mantenere sempre viva l’attenzione dell’opinione pubblica sul personaggio Corona?

Stando a quanto si legge sui social a commento del post di Corona, il popolo del web non sembra aver particolarmente gradito quest’ultimo messaggio dell’ex re dei paparazzi, e c’è chi tra gli utenti social che lo contestano, che ricorda a Corona che proprio in questi ultimi giorni il giovane Manuel è stato gambizzato per errore da due ragazzi, che hanno usato in modo sconsiderato ed illecito delle armi da fuoco, distruggendo così per sempre i sogni di un abile e promettente stella del nuoto italiano.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tiziana Terranova

Tiziana Terranova - In una società sempre più fluida credo sia molto difficile ormai definire con esattezza e certezza il limite etica e morale, meno che mai lo è in quel far west che è diventato il mondo del web, dove chiunque pensa di lanciare dei messaggi più o meno provocatori, più o meno velati, più o meno opportuni, più o meno sconcertanti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!