Iscriviti

Fabio Testi shock spara a zero sulla tv italiana: "Per lavorare in Rai devi essere gay, in Mediaset tossico"

L' attore Fabio Testi, da anni impegnato all’estero, intervistato da Radio Cusano Campus, ha rilasciato alcune dichiarazioni destinate a far discutere.

Gossip
Pubblicato il 20 dicembre 2018, alle ore 09:10

Mi piace
10
0
Fabio Testi shock spara a zero sulla tv italiana: "Per lavorare in Rai devi essere gay, in Mediaset tossico"

L’attore Fabio Testi, oramai da tempo lontano dalle scene del cinema e della tv italiana, in un’intervista rilasciata a Radio Cusano Campus, nel programma ‘L’italia s’è desta’, ha consegnato alcune considerazioni decisamente bizzarre in merito all’industria dello spettacolo italiana.

Il celebre attore sostiene di esser costretto a lavorare all’estero perchè la congiura di una particolare lobby italiana non gli consente di svolgere il proprio lavoro in patria: “Non se ne parla mai, ma anche noi uomini spesso riceviamo proposte assurde. Io mi sono trovato produttori gay che mi chiedevano di andare a Rio De Janeiro con loro altrimenti non avrei avuto la parte. Io mi mettevo a ridere”.

In merito al fenomeno “#Metoo” italiano afferma di aver visto numerosi amici accettare proposte indecenti per lavorare: “Io mi sono trovato a metà film col regista che mi diceva se non accetti vai a casa e io dicevo ‘Ok vado a casa’. Ma sai quanti sono caduti e sono scesi a compromessi?” Testi, incredibilmente, osserva che per lavorare in Rai occorre avere un tesserino gay e uno da tossico per lavorare in Mediaset. Espressioni decisamente forti destinate a far discutere.

Il coprotagonista di ‘L’importante è amare’ ritiene che in Italia il lavoro artistico sia limitato a certi gruppi e di esser tagliato fuori perché è un uomo troppo quadrato, senza tesserino: “Mi lasciano a casa così non gli rompo i coglioni”. Per concludere, durante l’intervista. si è lasciato andare anche a qualche considerazione politica: tra Salvini e Di Maio l’attore patteggia per il primo, e secondo lui, comunque, prima di criticarli e di metterli alla gogna, occorre vedere cosa saranno in grado di fare, ricordandosi sempre il deprecabile operato dei governi precedenti.

Il 77enne sentenzia, con rammarico, che i suoi tre figli lavorano all’estero perché purtroppo non hanno la possibilità di lavorare in Italia.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Lanzini

Chiara Lanzini - Fabio Testi, uno dei nostri attori più profondamente anni Settanta, a 77 anni non riesce a rassegnarsi. Sicuramente ciò di cui parla è vero, uomini disposti ad accettare proposte indecenti per lavorare, le famose raccomandazioni per non cadere nell'oblio: sui toni che ha utilizzato ho delle perplessità, come molti del resto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!