Iscriviti

Elena Santarelli distrutta per la scomparsa della piccola Marzia: "Queste lacrime non avrei mai voluto asciugartele"

Elena Santarelli ha annunciato la morte della piccola Marzia, la figlia di una sua amica che on è riuscita a sconfiggere il male che l'aveva aggredita. Ecco le parole della Santarelli.

Gossip
Pubblicato il 19 marzo 2019, alle ore 17:01

Mi piace
5
0
Elena Santarelli distrutta per la scomparsa della piccola Marzia: "Queste lacrime non avrei mai voluto asciugartele"

La piccola Marzia non ce l’ha fatta, è stata portata via all’età di 5 anni da un tumore cerebrale che non le ha lasciato scampo. Elena Santarelli ha conosciuto la sua mamma Valeria in ospedale, quando anche lei ha cominciato a frequentare la struttura per curare il solito male che ha aggredito anche suo figlio Giacomo di 9 anni: “Quando inizi un percorso così, immagini tante cose, e fra le tante immagini speri di poter continuare questo cammino fatto di alti e bassi insieme ai tuoi amici conosciuti in ospedale e in questo caso alla tua migliore amica di percorso e a sua figlia. Questo mio sogno è stato spezzato ieri sera quando ho avuto la notizia che Marzia aveva smesso di soffrire”.

Anche attraverso un post la Santarelli ha voluto far sentire la sua presenza a questa mamma trafitta da un dolore incommensurabile che non dà pace e rende impotenti davanti a queste tragedie: “Valeria ,la mamma di Marzia ,un esemplare più che raro di forza interiore capace di “ sorridere “ nonostante tutto e di indossare la maschera del “ va tutto bene “ anche quando sai che nulla sta andando bene. Valeria te e tua figlia siete un esempio per me e sono stata fortunata a conoscervi in questo cammino maledetto”.

Il dolore per la perdita della piccola Marzia

Elena Santarelli non riesce a darsi pace e dopo qualche ora dallo straziane annuncio, posta una considerazione su tutta questa assurda e ingiusta situazione: “Come si chiamano i genitori che hanno perso un figlio? Non c’è nessun nome, sostantivo… Nulla di nulla… Impossibile da trovare il nome. Non esiste. Un figlio che perde un genitore è orfano” – ha contniuato – “una donna che perde il marito è vedova… Un genitore che perde un figlio non ha nome perché è contro natura. Forza amica mia, forza”.

Anche lei sta combattendo una sua guerra personale per riuscire a tornare a sorridere come una volta, come la mamma di Marzia affronta ogni giorno con grande coraggio e accompagna suo figlio nella sua battaglia per sconfiggere il male per potersi lasciare tutto alle spalle. 

La Santarelli con questo post sembra voler abbracciare virtualmente tutte le mamme che si trovano in situazioni disperate e che cercano in tutti i modi qualcosa che possa affievolire, anche solo per un attimo, l’inferno che hanno dentro: “Le lacrime che scendono oggi dal tuo viso non avrei mai voluto asciugartele, a tutte le mamme che possono sentire il profumo dei propri figli ..sentitevi enormemente grate per questa fortuna“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Ha proprio ragione Elena Santarelli quando dice che questo dolore non ha nome. La perdita di un figlio non dovrebbe esistere, per questo non esiste una parola che possa incasellare il dolore di un genitore che rimane su questa terra a scontare una pena tanto grande che a nessuno dovrebbe essere inflitta.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!