Iscriviti

È morto a 85 anni Karl Lagerfeld, direttore creativo di Chanel e Fendi

Si è spento all'età di 85 anni, Karl Lagerfeld direttore creativo di due prestigiose quanto storiche case di moda, Chanel e Fendi. Lagerfeld è stato un genio creativo a 360°. Stilista, fotografo, illustratore, artista, designer, icona pop e fashion superstar.

Gossip
Pubblicato il 19 febbraio 2019, alle ore 17:45

Mi piace
14
0
È morto a 85 anni Karl Lagerfeld, direttore creativo di Chanel e Fendi

Si può sicuramente affermare che il mondo della moda ha certamente perso uno dei geni creativi degli ultimi tempi. Karl Lagerfeld è stato oltre che stilista anche fotografo, illustratore, artista, designer, icona pop e fashion superstar.  Ha dedicato la sua intera esistenza alla moda ed al concetto di arte in tutte le sue forme.

La sua personalità è stata sempre sopra le righe. Lagerfeld non ha mai cercato di accattivarsi le simpatie del pubblico ma ha sempre espresso il suo pensiero liberamente, senza troppi peli sulla lingua. La sua vita è stata costellata da innumerevoli successi e da polemiche talvolta ma lui è sempre andato avanti per la sua strada.

Nasce nel 1933 ad Amburgo. Il padre Otto era un imprenditore di prodotti caseari mentre la madre Elizabeth Bahlmann, faceva la commessa in un negozio a Berlino. Aveva da sempre raccontate nelle varie interviste che la sua famiglia aveva origini nobiliari sia per parte di madre che di padre ed aveva sempre eclissato sul suo reale anno di nascita, citando prima il 1938 e poi il 1935.

All’età di solo 14 anni si trasferisce a Parigi per studiare arte e disegno e già lì il suo talento viene notato. Nel 1954 vince il premio Woolmark Prize, un prestigioso riconoscimento di allora nel campo della moda, per aver disegnato un cappotto. Vittoria che condividerà con l’altrettanto genio di Yves Saint Laurent che creò un abito da sera.

Nel 1965 inizia il suo matrimonio professionale da Fendi, dove firma un contratto a vita (lo stesso accordo che firmerà anni dopo da Chanel nel 1983). Intanto, nel 1989, scompare il suo compagno storico, Jacques de Bascher, icona dandy di ultima generazione e carismatica figura del panorama parigino. È l’unico legame che Lagerfeld, sempre molto discreto, abbia mai rivelato al pubblico.

Nel 2001 lui, appassionato di junk food e di Coca Cola, perde 42 chili in meno di un anno: la sua dieta diventerà anche un libro, e a chi gli chiede perché lo abbia fatto, spiega che voleva potersi vestire con i completi di Hedi Slimane, da molti indicato come suo naturale successore. Quando si tratta di dare il suo parere, non si tira mai indietro, anche se i risultati spesso sono piuttosto controversi.

A questo punto resta da capire chi mai prenderà il suo posto, se mai lo si potrà sostituire. Se ne è andata un’icona, amata e discussa. Una personalità unica. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Beatrice Cinnirella

Beatrice Cinnirella - Il mondo della moda ha sicuramente persona un'icona indiscussa. Un uomo dalla personalità ecclettica e poliedrica che difficilmente potrà trovare un sostituto a breve. Come tutti i grandi lascerà un grande vuoto e tutti i suoi estimatori lo rimpiangeranno. L'unica cosa certa è che Lagerfeld ha lasciato una grande testimonianza di talento per tutti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!