Iscriviti

Dopo l’arresto di Luca Parnasi, la moglie Christiane Filangieri si è chiusa in casa a pregare

Christiane Filangieri non si è ancora ripresa dall’arresto del marito Luca Parnasi, incriminato per gli illeciti legati al nuovo stadio della Roma. Come rivelato dalla madre, la contessa Elisabeth Felkel, l’attrice si è barricata in casa per pregare.

Gossip
Pubblicato il 29 giugno 2018, alle ore 22:39

Mi piace
16
0
Dopo l’arresto di Luca Parnasi, la moglie Christiane Filangieri si è chiusa in casa a pregare

Nelle ultime settimane, uno dei fatti di maggior clamore riportato dai giornali è senza dubbio lo scandalo legato alla costruzione del nuovo stadio della Roma. Nell’ennesima inchiesta abbattutasi su di una città già martoriata per altre spiacevoli vicende, tra i personaggi di spicco a finire in manette troviamo anche Luca Parnasi, costruttore indagato per corruzione, finanziamenti illeciti, traffico di influenze, associazione a delinquere e frodi fiscali.

Non tutti però sono a conoscenza che Luca Parnasi è anche il marito di Christiane Filangieri, modella e attrice di successo di diverse fiction tv come Ho sposato uno sbirro o I Cesaroni. Come è logico aspettarsi in queste circostanze, dal momento dell’arresto l’attrice non è più stata in grado di riprendersi.

A confermarlo è stata la madre, la contessa Elisabeth Falkel, che per l’occasione ha anche rilasciato un’intervista a DiPiù. Come da lei stessa ammesso, la notizia dell’arresto si è abbattuta sulla famiglia come un fulmine a ciel sereno. La figlia Christiane, distrutta per quanto successo, “dopo l’arresto si è chiusa in casa a pregare”. Entrambe molto devote, stanno vivendo il dramma come una prova a cui rispondere continuando ad avere fede in Dio.

Nonostante la disperazione del momento, si rimane fiduciosi che il tutto si risolverà per il meglio. “Siamo sconvolti, anche per come sono andate le cose. Il giorno dell’arresto Christiane mi ha chiamato al telefono. Gridava, piangeva, non si dava pace: ‘Hanno arrestato Luca, hanno arrestato Luca, lo hanno portato in carcere come un assassino”, ha aggiunto la Felkel.

Dopo la notizia dell’arresto, l’attrice 39enne si è barricata in casa, mentre al figlio di sei anni non è stato detto nulla. Sul genero la contessa ha ammesso qualche pecca, ma in fin dei conti ha sottolineato che è un uomo di gran cuore. “Luca è un uomo meraviglioso, un grande lavoratore, un padre e un marito esemplare. Lo vogliono rovinare, glielo dico io. Mio genero è un po’ impetuoso, a volte pecca di sbruffoneria… Però è un uomo buono, un grande lavoratore. E’ uno che si butta, che a volte esagera, ma è un cavaliere onesto, glielo posso garantire”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Da come stanno andando le cose, per Luca Parnasi non penso che ci sia molto da pregare. L’imprenditore rinchiuso nel carcere di Rebibbia ha già ammesso le sue responsabilità. Del resto le stesse intercettazioni telefoniche non lasciano spazio a dubbi. Nelle innumerevoli registrazioni in mano agli inquirenti, tra le altre cose avrebbe detto anche “io pago tutti”.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!