Iscriviti

Coronavirus, tensione all’imbarco del traghetto: le urla dell’ex GF senza mascherina

Attimi di tensioni e malumori in Sardegna durante l'imbarco su un traghetto: un'ex gieffina ha scatenato una polemica per la mascherina: ecco chi si tratta.

Gossip
Pubblicato il 17 agosto 2020, alle ore 15:36

Mi piace
7
0
Coronavirus, tensione all’imbarco del traghetto: le urla dell’ex GF senza mascherina

Non è nuova alle polemiche, ma questa volta in molti hanno pensato che abbia esagerato: stiamo parlando dell’ex gieffina Daniela Martani che alcuni ricorderanno per la sua partecipazione al Grande Fratello. L’hostess di Alitalia, dopo l’uscita dalla casa ha continuato a far parlare di sé per le sue battaglie sui social network contro personaggi famosi, che le sono valse qualche ospitata in contenitori televisivi, ma non sono bastate per confermarla come opinionista.

Nella notte tra il 14 e 15 agosto, durante l’imbarco di un traghetto in Sardegna, è tornata alla carica con un atteggiamento che ha provocato malumori e ulteriori polemiche, soprattutto per chi doveva imbarcarsi per questioni lavorative e non solo per recarsi in qualche posto di villeggiatura.

GF, Daniela Martani blocca l’imbarco di un traghetto in Sardegna

Tutto è iniziato quando la Martani si è rifiutata di indossare la mascherina sulla propria auto e, quindi, le è stato impedito di imbarcarsi sul traghetto. Questo ha causato un ritardo che non è stato gradito per niente dagli altri passeggeri che attendevano di salire sul mezzo anche per questioni lavorative.

L’ex gieffina dopo interminabili discussioni con il personale, ha postato su Twitter un cinguettio di protesta: “La compagnia di navigazione Delcomar ha cercato di impedirmi di salire a bordo della nave perché mi sono ribellata alla richiesta di indossare la mascherina nella mia macchina per mostrare il biglietto”, alzando i toni con un: “La mascherina in macchina non è obbligatoria. Lobotomizzati!!!”.

La Martani, completamente fuori controllo, ha iniziato a urlare contro i marittimi e nemmeno le minacce di chiamare i Carabinieri degli altri passeggeri presenti sono servite a calmarla. Anzi, le sue grida sono aumentate anche quando un signore le si è accostato con modi gentili, spiegandole che avrebbe dovuto imbarcarsi per questioni di lavoro e di tutta risposta ha ottenuto un bel: “Non mi interessa“. Il web non le ha perdonato questo comportamento e non sono mancate critiche contro questo suo atteggiamento reputato troppo forte e contro le misure di sicurezza imposte per il Covid-19.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Non capisco come si possa creare disagio a tutte quelle persone che dovevano partire anche per motivi di lavoro. Penso che l'unica possibile soluzione sarebbe stata quella di trattenere l'ex gieffina e far partire comunque il traghetto. Capisco tutto, ma creare noie agli altri per far valere opinioni soggettive è forse troppo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!