Iscriviti

Coronavirus, Emma Marrone si rivolge al governo: "Lavoro e dignità messi in pericolo"

La cantante Emma Marrone ha lanciato un appello al governo Conte, chiedendo chiarezza e tutela e rimarcando come in questo periodo il lavoro e la dignità dei lavoratori siano messi in pericolo.

Gossip
Pubblicato il 18 aprile 2020, alle ore 14:51

Mi piace
5
0
Coronavirus, Emma Marrone si rivolge al governo: "Lavoro e dignità messi in pericolo"

Da quando è scoppiata la pandemia da Coronavirus, in Italia e nel mondo si è arenato tutto. Sono pochi, pochissimi i lavoratori che possono proseguire indisturbati con la loro attività, sempre nel rispetto delle norme di sicurezza, e tanti invece sono coloro che sono rimasti a casa, senza poter uscire ogni giorno per svolgere il proprio lavoro.

Tra questi vi sono anche i personaggi legati al mondo della musica: cantanti, musicisti, costumisti, truccatori e tutti coloro che lavorano dietro le quinte, dietro lo spettacolo che vediamo in scena, come i concerti a cui si assiste. Nei giorni scorsi, il cantante Tiziano Ferro aveva sollevato una polemica sulla faccenda, chiedendo maggiori garanzie e direttive anche solo parziali su come potersi muovere per stabilire le date dei prossimi concerti, già slittate a causa del Covid.

Alla voce di Tiziano ha fatto eco quella di Alessandra Amoroso e Fiorella Mannoia e adesso si è aggiunta anche quella di Emma Marrone. La Marrone ha fatto un appello rivolgendosi direttamente al governo e chiedendo che una fascia di lavoratori, quelli legati al mondo della musica appunto, riceva gli stessi trattamenti e la stessa forma di tutela, di tutti gli altri per poter affrontare al meglio il periodo difficile e delicato che stiamo vivendo, e che si abbiano maggiori informazioni sulle prossime date di concerti ed eventi.

Emma attraverso il proprio profilo Instagram, ha pubblicato un video nel quale utilizza parole forti e chiare: “Non sono star, ma è gente che lavora e con quel lavoro paga ciò che serve per vivere. Gente che, come tutti, ha il diritto di lavorare. E come tutti ha il diritto a essere protetto quando, senza alcuna colpa, il lavoro e la dignità sono messi in pericolo #seiconnoi“.

L’appello al governo Conte è stato lanciato e naturalmente c’è stato chi non ha preso bene l’iniziativa e ha criticato l’operato della cantante. Chi invece è intervenuto ringraziandola è stato Tiziano Ferro, il quale ha condiviso sul proprio profilo Instagram il video di Emma, accompagnato dalla didascalia: “Grazie amore“.

La Marrone ha concluso il suo appello, dichiarando: “Nessuna voce resti inascoltata. Appello al nostro governo perché nessuna voce resti inascoltata“. Insomma, un’unica voce, un unico abbraccio virtuale, un unico pensiero, questo è quello che accomuna gli artisti musicali, i quali chiedono a gran voce tutela e protezione, non tanto per se stessi ma per tutte quelle persone che lavorano intorno ad una macchina che è il vero motore dello spettacolo a cui il pubblico assiste.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tonia Sarracino

Tonia Sarracino - Personalmente credo che tutti coloro che lavorano dietro le quinte del mondo dello spettacolo possano ricevere lo stesso trattamento dei lavoratori classici, a differenza dei cantanti, che se restano fermi un po', non casca affatto il mondo. Sicuramente hanno la possibilità di andare avanti in questo periodo delicato, è giusto combattere, si, ma solo per coloro che lavorano dietro le quinte.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!