Iscriviti

Centenario Alberto Sordi, il ricordo di Enrico Montesano

Con la ricorrenza del centenario della nascita di Alberto Sordi, sono in tanti a omaggiare il grande attore, come ad esempio Enrico Montesano, che lo ricorda come una persona seria, umana, molto ironica e immensamente generosa.

Gossip
Pubblicato il 16 giugno 2020, alle ore 22:57

Mi piace
8
0
Centenario Alberto Sordi, il ricordo di Enrico Montesano

Nel centenario della nascita di un grande attore quale Alberto Sordi, sono in tanti coloro che lo ricordano e vogliono omaggiarlo. Enrico Montesano, all’Adnkronos, racconta Alberto Sordi parlando della sua serietà professionale e del suo amore per la famiglia, celebrandolo come merita. Montesano, inoltre, a teatro ha indossato i panni di Albertone in una delle sue opere più celebri, ovvero “Il Marchese del Grillo”.

Enrico Montesano lo ricorda con queste parole, che fanno leva sull’uomo ancor prima che sull’artista: “L’insegnamento più grande di Alberto Sordi? La sua grandissima serietà professionale, la generosità, l’amore per la famiglia. E poi, naturalmente, la sua grande ironia romana”. I due hanno lavorato insieme per una commedia musicale e sulla sua scrivania vi è una foto di Sordi che lo accompagna sempre.

Inoltre, lo stesso Montesano racconta di aver scoperto qualcosa solo recentemente che lo accomuna al grande Albertone nazionale. Montesano afferma di essere nato nella stessa strada che ha dato i natali a Sordi, alla Garbatella. Il padre di Sordi, Pietro, aveva casa nel blocco adiacente a quello in cui si trovava casa sua. Per Montesano è un altro modo per averlo accanto e sentirlo maggiormente vicino a lui.

Oltre a Enrico Montesano, sono stati tantissimi gli attori a omaggiare Sordi nel centenario della sua nascita. Da Christian De Sica, con un excursus insieme al padre, sino a Giovanna Ralli nella trasmissione “Domenica In” di Mara Venier nella puntata di domenica 14 giugno, ma anche Gigi Proietti, che ricorda il suo talento, ma anche la sua straordinaria umanità.

Oltre a loro, Alberto Sordi è stato ricordato anche da Paola Cumin, una storica publicista che ha lavorato a lungo con l’attore e ne elenca grandi pregi, come il suo amore immenso per gli animali, in particolare per i cani, ne aveva ben 18. Oltre ai personaggi citati, anche la televisione lo ricorda con una serie di contenuti come il documentario di Rai Storia, dedicato a Sordi e alla sua straordinaria carriera, in onda questa sera alle 21.10.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Alberto Sordi è stato un attore straordinario e i suoi film ne sono la più vivida testimonianza. Molto bello l'omaggio che i suoi colleghi e amici gli stanno riservando, così come le tante iniziative e i programmi televisivi che lo celebrano nel centenario della sua nascita, in modo che tutti abbiano il piacere di viverlo e onorarlo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!