Iscriviti

Bufera su Zaniolo, parla la zia dell’ex compagna incinta: "L’ha cacciata di casa al terzo mese"

La zia di Sara Scaperrotta, ex fidanzata del calciatore della Roma Nicolò Zaniolo, da cui aspetta un figlio, ha rilasciato un'intervista nella quale rivela retroscena agghiaccianti sulla vicenda

Gossip
Pubblicato il 2 gennaio 2021, alle ore 18:33

Mi piace
6
0
Bufera su Zaniolo, parla la zia dell’ex compagna incinta: "L’ha cacciata di casa al terzo mese"

La notizia della gravidanza di Sara Scaperrotta, ventenne ex fidanzata storica dell’astro nascente della Roma Nicolò Zaniolo, è stata un fulmine a ciel sereno. Sì, perché poco prima il calciatore aveva confermato di aver cominciato a frequentare la super-modella e attrice rumena Madalina Ghenea, 32 anni (oltre dieci più di lui). Si era dichiarato felice con lei e aveva specificato di non aver “mollato” nessuno, come sostenevano le riviste di gossip: la storia con Sara era già finita.

Peccato che le cose non starebbero esattamente così, almeno stando a quanto dichiarato dalla zia di Sara, che l’altro giorno ha rilasciato un’intervista scioccante a Gabriele Parpiglia per il sito “Giornalettismo”. La donna ha raccontato che sette mesi fa Sara era rimasta incinta di Nicolò. I due non si sentivano pronti ad avere un figlio e così, di comune accordo, lei aveva abortito.

La zia di Sara Scaperrotta rivela: “Incinta due volte, mia nipote cacciata al terzo mese”

Poco dopo, però, il calciatore si era pentito, aveva cominciato a dire di aver fatto una cavolata e così la coppia ci aveva riprovato, stavolta ben decisa ad avere un figlio e a mettere su famiglia. Così Sara è rimasta nuovamente incinta: l’ha scoperto i primi di dicembre e Nicolò, appresa la notizia, era raggiante, al punto da pubblicare su Instagram una foto con lei e la scritta “Grazie a te so cos’è l’amore” (il post è stato successivamente cancellato, ma il Corriere dello Sport aveva giù fatto e pubblicato lo screenshot).

Poi, però, le cose sono cambiate rapidamente. Nicolò tergiversava all’idea di dare la notizia ai suoi, che non hanno mai visto di buon occhio Sara, così glielo ha fatto sapere al telefono. Loro sono sono immediatamente partiti da La Spezia. Arrivati a Roma, sono piombati nella casa dove il figlio abitava con la fidanzata (una casa di proprietà Francesco Totti, per la quale Zaniolo pagava l’affitto) e l’hanno mandata via in accordo con il calciatore. Nel frattempo lui aveva fatto perdere le sue tracce: in sole 24 ore ha cambiato casa, come temendo che lei e la sua famiglia gli facessero degli “agguati”, e ha bloccato l’ormai ex fidanzata su tutti i social, oltre che sul telefono.

Lei è incinta di tre mesi e stando a quanto dice sua zia è devastata psicologicamente dalle due gravidanze e dal fatto di trovarsi all’improvviso da sola ad avere e crescere un figlio voluto in due. Zaniolo ha dichiarato pubblicamente di avere intenzione di prendersi le sue responsabilità, ma da come è sparito dalla vita di Sara, sottolinea la zia, sembra il contrario, e che la dichiarazine pubblica sia stata una sorta di “pro forma” per evitare il linciaggio mediatico. Anche perché contemporaneamente nella vita del ragazzo è entrata Madalina Ghenea e il calciatore sembra avere occhi solo per lei.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rossella Martielli

Rossella Martielli - Se il racconto della zia di Sara Scaparrotta fosse vero (utilizzare il condizionale è d'obbligo) non ci sarebbero giustificazioni di sorta: il comportamento di Nicolò Zaniolo e della sua famiglia sono a dir poco aberranti. "Disumani", come afferma la stessa zia di Sara. E poco c'entra la giovanissima età del calciatore, che ha appena compiuto vent'anni, perché certi valori dovrebbero essere inculcati sin da piccoli. Quanto meno il rispetto per gli altri, compresa una ragazza che fino a pochi giorni prima sosteneva di amare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!