Iscriviti

Barbara De Rossi contro le femministe: "L’essere donna non può essere un pretesto per godere di vantaggi"

Intervistata da "Libero", l'attrice Barbara De Rossi parla del tema delle molestie, rivelando di non condividere le idee messe in campo dalle femministe.

Gossip
Pubblicato il 4 agosto 2020, alle ore 10:29

Mi piace
3
0
Barbara De Rossi contro le femministe: "L’essere donna non può essere un pretesto per godere di vantaggi"

In questi giorni Barbara De Rossi ha rilasciato un’intervista a “Libero“, in cui parla del tema molto delicato delle molestie. Negli ultimi anni l’argomento è tornato in voga con il Movimento Me Too, un movimento di matrice femminista contro le molestie sessuali e la violenza sulle donne che ha ottenuto una grande attenzione grazie all’hashtag #MeToo sui social.

Il movimento è nato dalle prime accuse mosse contro Harvey Weinstein, fondatore di “Miramax” insieme al fratello Bob, produttore di film di successo come “Pulp Fiction”, “Clerks – Commessi”, “Sesso, bugie e videotape” e “Malèna”, con la regia di Giuseppe Tornatore. Weinstein viene, dopo due anni, riconosciuto colpevole e quindi condannato a 23 anni di carcere.

Le parole di Barbara De Rossi

Intervistata da “Libero” l’attrice ha voluto parlare del delicato tema delle molestie, svelando però di non essere molto d’accordo con le idee delle femministe: “Gli estremismi non mi sono mai piaciuti. Ogni campagna di opinione andrebbe impostata sulla base del rispetto anche gli uomini dovrebbero essere rispettati, non si può demonizzarli tutti dicendo che sono delle carogne, perché ce ne sono tanti perbene”.

Infatti, secondo Barbara De Rossi, anche gli uomini ricevono degli approcci non desiderati: “Pure i maschi ricevono avances indesiderate: conosco storie di attori che si sono trovati in situazioni strane, oggetto di attenzioni particolari da parte di donne. Il fatto di essere donna non può essere un pretesto per godere di vantaggi o avere uno sgravio di responsabilità”.

Nonostante il parere poco positivo nei confronti del movimento femminista, Barbara De Rossi vuole precisare di non aver mai sottovalutato il problema delle molestie, poiché dal ’98 è diventata uno dei membri dell’associazione “Diritti Civili Salvabebè/Salvamamme“.

L’attrice spiega che si tratta di una associazione dove vengono sostenute  le famiglie in difficoltà economica, aiutando le donne a denunciare in casa di stalking o di violenza. Barbara De Rossi definisce il Movimento del Me Too come una cosa positiva, ma non ama le donne che si approfittano del MeToo per avere delle agevolazioni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Le parole di Barbara De Rossi possono sembrare negative o esagerate, ma è difficile darle torto. Le associazioni, e anche le vere femministe, sono fondamentali, ma ultimamente viene usato questo termine con il solo scopo di avere delle agevolazioni. E, mettendola in questo modo, è difficile credere che si stia cercando ancora la parità dei diritti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!