Iscriviti

Amedeo Goria, scandalo molestie: "Nostra figlia aveva 18 anni, perse dieci chili"

Ora che è tornato alla ribalta per via della partecipazione di figlia (Guenda) ed ex moglie (Maria Teresa Ruta) al Grande Fratello Vip 5, Amedeo Goria si trova a fare i conti con un passato scomodo

Gossip
Pubblicato il 19 novembre 2020, alle ore 12:40

Mi piace
3
0
Amedeo Goria, scandalo molestie: "Nostra figlia aveva 18 anni, perse dieci chili"

Non tutti lo sapevano o lo ricordavano, visto che certe cose dopo anni vengono dimenticate dal grande pubblico, distratto da vicende ugualmente terribili e sempre nuove, ma nel 2005 Amedeo Goria è stato protagonista di uno scandalo a sfondo sessuale che ne ha minato a lungo l’immagine pubblica di padre responsabile e di giornalista sportivo di un certo livello.

A quei tempi il padre di Guenda e Gian Amedeo aveva già divorziato da Maria Teresa Ruta e, proprio come oggi, lavorava come giornalista sportivo in Rai. Le sue passioni erano il calcio ma anche le donne: tutti sapevano della sua fama da latin-lover e che il suo matrimonio con la Ruta era finito proprio a causa dei numerosi tradimenti.

Ma nessuno sospettava quello che poi successe, ovvero che di lì a poco sarebbe stato denunciato da una donna con l’accusa di molestie e tentata violenza sessuale. Più che una donna, una ragazzina, visto che Michela Morellato aveva appena diciotto anni quando, stando a quello che raccontò, era stata molestata da Goria

Lo scandalo sessuale di cui fu protagonista Amedeo Goria: carnefice o vittima?

La Morellato denunciò il giornalista sportivo e della triste vicenda se ne occuparono Le Iene, che realizzarono diversi servizi, ma il caso fu archiviato. Nonostante ciò, la colpevolezza di Goria sembrò confermata dal fatto che versò una somma alla ragazza a mo’ di risarcimento. Oggi però l’uomo è tornato a negare le accuse, affermando che la vicenda era infondata ma fu strumentalizzata e danneggiò la sua carriera, oltre che la sua immagine pubblica.

Sempre stando alla versione del padre di Guenda Goria, il risarcimento fu versato solo per far sì che sulla vicenda fosse steso un velo pietoso. Ma la famiglia della Morellato non ci sta a che il giornalista venga dipinto come una vittima e la ragazza fatta passare per una poco di buono. Intervistati dal settimanale “Oggi”, infatti, i genitori di Michela hanno dichiarato: “Lei aveva 18 anni, lui 51. Era spaventata, temeva che, se avesse denunciato quanto successo, le porte di una carriera in tv, a cui teneva tantissimo, si sarebbero chiuse”.

E in effetti è proprio quello che è accaduto. Non solo, perché la madre della Morellato ha spiegato che dopo l’episodio la figlia era stata male sia psicologicamente che fisicamente: aveva perso in poco tempo ben dieci chili e per dormire doveva affidarsi alle gocce. Ora che quella dolorosa ferita è stata riaperta, hanno affermato ancora i coniugi Morellato, a farne le spese sarà ancora una volta la loro figlia.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rossella Martielli

Rossella Martielli - Anche se nessuno può sapere come siano andate esattamente le cose, visto che nessuno si trovava lì al momento dei fatti e resta la parola di Amedeo Goria contro quella di Michela Morellato, ma la sensazione è che qualcosa di vero ci sia. Perché sennò versare un risarcimento per la privacy, se sicuri della propria innocenza?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!