Iscriviti

Siete a dieta? Potete ugualmente mangiare gli hamburger

L'hamburger, noto panino imbottito con carne macinata, formaggio e condimenti vari, è stato demonizzato per decenni e considerato "cibo spazzatura" e ipercalorico. Però non tutti sanno che può essere inserito tranquillamente in un regime dietetico

Benessere
Pubblicato il 5 gennaio 2016, alle ore 16:07

Mi piace
7
0
Siete a dieta? Potete ugualmente mangiare gli hamburger

Croce e delizia di tanti buongustai, l’hamburger spesso viene additato come panino grasso, colpevole dell’aumento di peso corporeo e responsabile dell’aumento di colesterolo cattivo. Lavorando sugli ingredienti, sui condimenti e sulle salse, anche gli hamburger più appetitosi possono diventare salutari tanto da essere introdotti in una dieta volta a far perdere il peso in eccesso.

Per prima cosa occorre selezionare la giusta carne. E’ possibile optare per molti tagli differenti per gli hamburger, prediligendo ad esempio un macinato magro di bovino, anzichè la carne di suino. Per quanto riguarda i condimenti, invece di infilare fette di formaggio quà e là, sopra e sotto la carne, si può benissimo alternare foglie di lattuga fresche e fette di pomodoro per insalata.

Le salse costituiscono forse il grattacapo maggiore. Solitamente nei fast food e nelle paninerie si è soliti utilizzare salse grasse, quali la maionese, il ketchup, la salsa barbeque o quella greca. Per realizzare un hamburger light si può prediliggere la senape: aggiunge molto sapore, ha poche calorie e costituisce una valida alternativa alle varie salse ipercaloriche.

Dal punto di vista dietetico il pane potrebbe essere considerato il problema preminente dopo quello delle salse. In genere il panino che le più famose catene di fast food ci propongono è di tipo industriale, surgelato, pieno di conservanti, olio di palma e trattato con alcool etilico. L’alternativa sarebbe sostituirlo con un panino/pagnotta acquistato in panetteria, sfornato in giornata e quindi privo di conservanti, olio di palma, acidi grassi industriali e non trattato con l’alcool etilico.

Rispettando queste 4 semplici regole, l’hamburger può esser serenamente considerato idoneo alle diete dimagranti, ovviamente facendone un consumo appropriato e ragionevole. Alla luce di queste considerazioni, chi sta seguendo un regime dietetico può consumare (ovviamente qualora lo desideri) un buon hamburger, genuino e light, senza dover fare esasperanti sacrifici con diete ristrette e monotone.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gloria La Barbera

Gloria La Barbera - Il famoso hamburger standard, accompagnato da porzioni abbondanti di patatine fritte e coca cola, è in genere il nemico numero uno dei salutisti, fedele alleato del colesterolo alto e del diabete, croce e delizia di chi ha difficoltà a seguire una dieta. Ritengo che se si adottano le giuste scelte in merito agli ingredienti, si può preparare un'ottima versione light dell'hamburger, riducendo quasi del 40% il contenuto calorico. Ancora di più se si realizza una versione vegana, inserendo un veggie burger fra le due fette di pane.

Lascia un tuo commento
Commenti
Evelin Felice
Evelin Felice

08 gennaio 2016 - 10:49:18

Buono a sapersi, per quando finalmente mi deciderò di mettermi a dieta

0
Rispondi