Iscriviti

Proprietà, controindicazioni e usi dell’aglio orsino

L' Allium ursinum, conosciuto anche col nome di aglio orsino, appartiene alla famiglia delle Aliacee come il suo parente più famoso, l'aglio, e può essere utilizzato per il nostro benessere.

Benessere
Pubblicato il 7 gennaio 2019, alle ore 07:02

Mi piace
15
0
Proprietà, controindicazioni e usi dell’aglio orsino

Pochi conoscono le proprietà benefiche dell’aglio orsino, ma per il nostro benessere può essere utilizzato sia per uso interno che per uso esterno. Appartenente alla stessa famiglia dell’aglio comune, viene utilizzato fresco e si trova in natura.

Pianta erbacea perenne, è una bulbosa alta all’incirca 35 centimetri, con foglie piuttosto larghe e lunghe e bei fiori bianchi che ricordano la forma di una stella. Cresce rigoglioso nei boschi, nei terreni particolarmente umidi, vicino ai ruscelli, e nei terreni calcarei.

Di questa pianta si utilizzano i bulbi che si prelevano a fine estate e le foglie che vanno raccolte prima della fioritura completa, che avviene da aprile a maggio.

Proprietà ed usi dell’aglio orsino

Per uso esterno grazie alle sue proprietà ha un effetto benefico in presenza di emorroidi, oltre ad essere un valido disinfettante. Internamente, invece, l’aglio orsino viene impiegato come un buon depurativo all’inizio della primavera, che è poi il momento adatto in cui si raccoglie. Oltretutto viene utilizzato in presenza di problemi circolatori, reumatismi, affezioni alle vie respiratorie, disturbi gastrointestinali e disturbi legati alla menopausa.

L’aglio orsino ha un profumo piuttosto fresco, è deliziosamente aromatico ed è molto simile a quello che viene usato in cucina, ma è anche più raffinato, mentre l’aroma dei fiori è molto più forte. In cucina si utilizza per dare un sapore diverso a numerose ricette. Si sposa molto bene con numerosi tipi di pietanze e le foglie tagliate finemente si possono aggiungere ad insalate, verdure cotte, zuppe e frittate. I fiori invece si utilizzano per preparare ottime salse. Si consuma sia crudo che cotto.

Il nome curioso dell’aglio orsino deriva dall’orso, animale particolarmente ghiotto; infatti una volta che questo esce dal letargo se ne ciba con l’intento di depurare l’organismo.

L’aglio orsino non è una pianta tossica per l’organismo, ma si può facilmente confondere con alcune specie velenose dalle foglie simili.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Paola Assandri

Paola Assandri - Se anche voi amate andare per boschi a raccogliere erbe, fate molta attenzione a quello che raccogliete se non siete esperti nel settore. Infatti come detto poco sopra l'aglio orsino si confonde facilmente con altre specie velenose. Al fine di ovviare tale inconveniente, prima di raccoglierlo aspettate la comparsa dei bottoni fiorali.

Lascia un tuo commento
Commenti
Vincenzina Rocchella
Vincenzina Rocchella

01 febbraio 2019 - 20:37:35

Infatti è molto simile, il fiore, ala pianta chiamata latte di gallina.

0
Rispondi
Vincenzina Rocchella
Paola Assandri

01 febbraio 2019 - 20:42:57

Sì esatto, bisogna fare molta attenzione.

0