Iscriviti

Cinque consigli per dormire con il caldo senza utilizzare il condizionatore

L’estate porta con sé oltre alle belle giornate anche le elevate temperature e l'insofferenza a prender sonno la notte. Chi ha il condizionatore penserà che sia sufficiente accenderlo per avere quel fresco ideale per poter dormire bene.

Benessere
Pubblicato il 13 giugno 2018, alle ore 12:19

Mi piace
12
0
Cinque consigli per dormire con il caldo senza utilizzare il condizionatore

L’estate porta con sé oltre alle belle giornate anche l’elevate temperature e l’insofferenza a prender sonno la notte. Chi ha il condizionatore penserà che sia sufficiente accenderlo per avere quel fresco ideale tanto alla vacanza, quanto allo studio e al lavoro. La verità però è che il condizionatore va usato responsabilmente. Di conseguenza possono tornare utili i consigli dati al Daily Mail dalla dottoressa Nerina Ramlakhan, fisiologa e terapeuta del sonno.

I suggerimenti dell’esperta mirano alla parte della giornata forse più difficile in estate: quella del sonno, quando ci si vorrebbe riposare e invece ci si esaurisce ulteriormente. E’ importante poter avere una sorgente di freschezza, ma allo stesso tempo bisogna creare le condizioni idonee a non produrre noi stesso calore in eccesso.

Cinque consigli per dormire bene senza condizionatore

1. Crea la tua aria condizionata: basta un ventilatore e del ghiaccio. Venti minuti prima di andare a dormire bisogna puntare le ventole verso una vaschetta piena di ghiaccio. Il ghiaccio si scioglierà e aiuterà a raffreddare l’aria. Quest’operazione può essere anche ripetuta.

2. Arresta il caldo. La qualità delle ore notturne dipende anche da quelle giornaliere. Se per tutta la giornata il sole è entrato nella stanza, l’arrivo della sera non potrà capovolgere le temperature. Insomma, specie se la camera è provvista di una grande finestra, è opportuno chiudere le persiane quando c’è il sole e chiudere le finestre prima di uscire da casa se la temperatura interna è più bassa di quella esterna.

3. Lavare i piedi con acqua fredda. Il caldo causa un afflusso di sangue ai nostri piedi rispetto alle giornate invernali, per questo dà grande sollievo sciacquare i piedi con acqua fredda prima di andare a letto.

4. Piumini adatti. Sembra scontato, ma non tutti ci pensano. Le trapunte devono essere leggere, ma soprattutto devono avere colori chiari per accumulare meno luce. La luce è calore e non è esattamente quello che vogliamo in estate.

5. Evitare cibi che surriscaldano. Un’ora prima di andare a letto evitare di mangiare e bere tutto ciò che può aumentare la propria temperatura corporea. In realtà riattivare la digestione implica di suo un aumento della temperatura, ma alcuni cibi “infuocano” più di altri. In particolare bisogna evitare gli alimenti piccanti o ricchi di caffeina e zuccheri. Anche bevande rinfrescanti (come un succo di frutta con zuccheri aggiunti) sono da evitare. Viceversa alimenti che “raffreddano” sono cetrioli, angurie e latte freddo. La regola in generale è idratarsi: un corpo idratato suda e la sudorazione, nonostante dia una sensazione sgradevole, in realtà abbassa la temperatura corporea.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marco Serra

Marco Serra - In estate addormentarsi può diventare davvero un inferno, specie se non si è potuto installare un condizionatore. Questi piccoli consigli di certo possono un aiutare un pochino per arrivare al giorno dopo un po’ riposati, ma se ci saranno giornate roventi questi consigli non possono bastare. Per quelle giornate la soluzione è solo il condizionatore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!