Iscriviti

Body positive, il nuovo movimento per l’accettazione del corpo

Il body positive è un nuovo movimento contro il body shaming che ultimamente si fa molto sentire. Una clinica è nata per aiutare le persone ad accettarsi e molti personaggi del mondo televisivo hanno dato il loro contributo.

Benessere
Pubblicato il 7 novembre 2020, alle ore 11:23

Mi piace
4
0
Body positive, il nuovo movimento per l’accettazione del corpo

Il body shaming è una forma di bullismo che negli ultimi tempi colpisce soprattutto sui social. I bulli colpiscono l’aspetto fisico delle persone di ogni età e classe social. Molti personaggi televisi hanno ricevuto offese sul proprio aspetto fisico e molti sono coloro che si sono schierati contro questi pensieri. Purtroppo il body shaming colpisce anche molti adolescenti che non hanno la forza di reagire.

Fortunatamente è nato un nuovo movimento per combattere questa forma di bullismo. Prende il nome di “body positive” e nasce con l’idea di aiutare le persone ad accettarsi per come sono. Il movimento è nato molti anni fa ma negli ultimi tempi è tornato a farsi sentire.

Ashley Graham è una delle persone che porta avanti i valori di questo movimento. Lei è una modella, trentenne, diventata poco tempo fa mamma. Simbolo delle modelle curvy ha pubblicato un libro dal titolo “Ashley Graham, Una modella senza modelli” in cui racconta la sua vita e il suo lavoro. La carriera della modella, infatti, ha cambiato totalmente gli standard di bellezza che aveva assunto il mondo della moda.

Ashley Graham è uno dei tanti volti che si sono schierati a favore del body positive. In Italia, Emma Marrone e Chiara Ferragni hanno dato il loro contributo ma la lista dei vip a favore di questo movimento è molto lunga. Un contributo importante è stato dato da Laura Brioschi, una modella curvy la quale ha fondato l’associazione Body Positive Catwalk. Lei che ha sofferto di bulimia adesso lotta a favore di questo movimento.

  A Milano, inoltre, è nata una clinica specializzata, la “LabQuarantadue” che si occupa di accompagnare i pazienti in tutto il tragitto volto all’accettazione del proprio corpo. Jessica Altieri, CEO di Labquarantadue, ha dichiarato “Solo una volta raccolti tutti i dati e le varie anamnesi insieme il team stabilisce il percorso terapeutico individuale adatto e personalizzato all’esigenza del paziente.” Ha aggiunto anche che la parte psicoterapeutica del percorso è molto importante per raggiungere l’obiettivo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Venditti

Chiara Venditti - L'accettazione del proprio corpo è un argomento molto difficile soprattutto nelle civiltà in cui ci troviamo, la quale vuole avere tutte le persone uguali. La moda ancora punta su uno standard di persone molto magre o con curve evidenti. Molti si basano sulla taglia per essere felici ed il body shaming colpisce entrambi i sessi. Purtroppo il mondo dei social è la tana dei bulli ed è ancora presto per poter dire di aver sconfitto i pregiudizi. La cattiveria umana viene sprigionata molto facilmente se le persone si nascondono dietro uno schermo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!