Iscriviti

Mariam Namukasa è la ‘Miss Curvy’ dell’Uganda. La caduta definitiva delle cosiddette "taglie zero"?

In Uganda si è tenuto un contest di bellezza volto a valorizzare le taglie più morbide, schierandosi fieramente conto ogni stereotipo di perfezione. Mariam Namukasa, lasciata dal marito perchè "troppo grassa", si è fatta avanti... ed è salita sul podio.

Bellezza
Pubblicato il 18 giugno 2019, alle ore 09:33

Mi piace
11
0
Mariam Namukasa è la ‘Miss Curvy’ dell’Uganda. La caduta definitiva delle cosiddette "taglie zero"?

Una donna, per essere definita bella, deve essere obbligatoriamente magara e slanciata?

A questa domanda, l’Uganda risponde con un sonorosissimo NO e decide di indire un contest dedicato alle donne più formose, oggi conosciute sotto la categoria di curvy (ammesso e non concesso che le persone siano divisibili in categorie).

La vincitrice è Mariam Namukasa, una donna di trentaquattro anni che insegna all’asilo con quattro figli e del peso di 132 kilogrammi. Ora si sente bellissima anche se non è stato per nulla facile per lei riuscire ad accettare il proprio corpo e le proprie forme. “Ho provato di tutto” afferma, ma non è mai riuscita a perdere peso; è una questione di genetica, aspra e difficile da sopportare. Non solo per lei, ma anche per il marito, che vedendola prendere peso non ha esitato ad abbandonarla, rompendo il suo cuore e quello dei figli.

Ma Mariam tramite il contest ha trovato il suo modo per riscattarsi. E ce l’ha fatta a vincere, non solo nei confronti dell’uomo che l’ha trattata come spazzatura ma anche verso se stessa. Piano piano, infatti, ha cominciato ad apprezzarsi nuovamente tanto da esordire nel suo discorso di ringraziamento così: “Sono qui. Sono bellissima. Sono sexy.” 

Da subito poi ha desiderato infondere fiducia alle donne che, come lei, si sentono vittime del proprio corpo: “Credete in voi stesse. Iniziate stasera. Diffondete amore.” Infine per rafforzare il proprio messaggio, la vincitrice chiude con una vena fortemente ironica ed incisiva: “A tutte voi donne plus size. Peso 132 chili e sono flessibile. Molto flessibile.”

Quella di Miriam è la storia di un successo. Una storia che intende insegnare a molte donne a contemplare il proprio corpo come la propria forza, senza lasciare che nessuno ne svaluti le qualità. Perchè non cìè nulla di più bello che amare se stesse senza dover rendere conto a nessuno.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rosy Manganelli

Rosy Manganelli - Io non credo nella bellezza. Oppure ci credo troppo. Tutto ciò che è animato, vitale è dotato di bellezza e dotato di perfezione a modo proprio. I contest di bellezza vogliono dare un ordine gerarchico a ciò che la natura a concepito senza uno scopo. Dobbiamo quindi calarci nella mentalità dell'uomo, nella sua esigenza di catalogare al fine di dare un ordine e quindi un giudizio, per parlare dei contest. Perchè alla fine non è importante come vi si arriva, ma il risultato; il messaggio. E in questo caso il messaggio è: siamo umani. Siamo noi stessi. Siamo unici. Siamo bellissimi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!