Iscriviti

Malva: come usarla per prenderci cura della nostra pelle

Il nome stesso della pianta della malva significa "male vattene". E' nota in erboristeria per il suo mix di proprietà. Infatti è una pianta tutta da scoprire. Vediamo come usarla per prenderci cura della nostra pelle grazie alle sue proprietà

Bellezza
Pubblicato il 22 maggio 2017, alle ore 12:42

Mi piace
24
2
Malva: come usarla per prenderci cura della nostra pelle
Pubblicità

La malva ( Malva silvestris) è una bella pianta di campagna famosa per le sue importanti e preziose proprietà. Infatti è un ottimo antinfiammatorio, emolliente, antibatterico e molto altro.

Pianta perenne cespugliosa ha un fusto che si aggira tra i 60-80 cm. ha foglie piccole e fiori che spuntano da aprile a ottobre di un bel colore rosa-lilla con diverse striature di color rosa più scuro. Cresce nei prati e nei luoghi incolti. Viene coltivata come pianta aromatica, ma più spesso la si trova sia negli orti che nei giardini. Di questa pianta perenne si utilizzano i fiori raccolti all’inizio della fioritura, (facendo attenzione che siano di un bel color lilla e ben striati di violetto, prediligendoli a pianticelle troppo tenere), inoltre si possono utilizzare i getti, le foglie e in alcuni casi pure le radici.

Proprietà

Grazie alla presenza di sali minerali, di vitamine del gruppo A, B, C, di malvina, mucillagini, potassio, pectina e malvidina, si pone e a ragione tra i rimedi naturali per eccellenza, sia per quanto riguarda la salute del nostro organismo come per la bellezza del nostro corpo. Le idee per poterla utilizzare al meglio non mancano proprio, essendo antiflogistica, emolliente, oftalmica, rinfrescante e lenitiva.

Impiego

La malva si utilizza per fare lavaggi o impacchi sotto forma di infuso per contrastare gli occhi infiammati e stanchi. In 1 l di acqua bollente, basta aggiungere 50 g circa di foglie di malva. Lasciate macerare per una quindicina di minuti e successivamente filtrare. Usare questi impacchi una volta fatti raffreddare per detergere e lenire gli occhi stanchi, o ogni volta che se ne sente la necessità.

Ottimo l’infuso aggiunto all’acqua del bagno, in quanto ha un effetto emmoliente e idratante, mentre per una maschera viso fai da te, usiamo un decotto di malva ( lasciamo macerare in acqua bollente foglie di malva ) mescolato ad un cucchiaio di miele e due di yogurt bianco. Amalgamare bene il tutto, facendo attenzione a non rendere il composto troppo acquoso e applicare sul viso, lontano dagli occhi. Lasciare in posa per una decina di minuti, quaindi sciacquare con acqua tiepida.

Curiosità

L’uso della malva ha origini antichissime visto che se ne trovano cenni già in epoca romana.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Paola Assandri - Fate attenzione all'uso della malva, è opportuno testare prima la tollerabilità. Se decidete di provare la maschera applicate il composto sopra una piccola zona, prima di metterla direttamente sul collo e viso. Togliete poi il prodotto dopo pochi secondi. Se vedete un po' di rossore, non dovrete applicarla da altre parti. Se invece, notate che la maschera non irrita la vostra epidermide, la potrete spalmare sia viso che sul collo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!