Iscriviti

Verso l’eliminazione dei pesticidi dalla nostra tavola, la Francia apre la strada

Uno dei pesticidi più dannosi per la nostra salute è il glifosato; la Francia ha dato il via alle misure per eliminarlo del tutto e da cui l'Italia può prendere spunto ed esempio.

Ambiente
Pubblicato il 9 febbraio 2018, alle ore 14:48

Mi piace
26
1
Verso l’eliminazione dei pesticidi dalla nostra tavola, la Francia apre la strada

Da sempre esiste una lotta eterna tra produttori ed insetti, i primi usano i pesticidi per eliminare i secondi ma spesso molti pesticidi arrivano sulla nostra tavola anche se laviamo frutta e verdura accuratamente. La Francia sta attuando tante misure per eliminare del tutto i pesticidi chimici, soprattutto il glifosato, che è uno degli elementi principali dei pesticidi ed è un vero e proprio veleno per la nostra salute.

L’Unione Europea ha da poco rinnovato, per altri 5 anni, la licenza commerciale per l’autorizzazione all’uso del glifosato nell’agricoltura, nonostante le proteste e l’opposizione di Italia e Francia. Infatti nel nostro Paese si sta pensando a come eliminare i pesticidi mentre i nostri cugini d’Oltralpe stanno già attuando una tabella di marcia che li porterà all’eliminazione totale di questi agenti chimici dannosi.

Molti studi hanno dimostrato come il glifosato persista in ortaggi, verdure e frutta anche dopo averla lavata accuratamente e igienizzata, costituendo così comunque un pericolo per la salute, mentre la più famosa casa produttrice di pesticidi si è difesa con studi che dimostrano il contrario ma, successivamente, sono stati smascherati e accusati in quanto quegli studi erano stati costruiti e falsati appositamente per l’occasione.

La Francia si è posta l’obiettivo di eliminare pesticidi e glifosato al massimo entro il 2025 seguendo una vera e propria tabella di marcia stilata accuratamente da vari ministeri: Ministero dell’Agricoltura, Ministero della Solidarietà e Salute, Ministero della Transizione Ecologica e Solidale e Ministero dell’Istruzione Secondaria e della Ricerca.

I punti salienti del progetto francese sono l’eliminazione dei pesticidi chimici nel più breve tempo possibile, il trovare delle soluzioni alternative e naturali sostenendone la ricerca, la messa in opera di queste alternative da parte degli agricoltori, la ricerca dei danni provocati dai fitofarmaci e la protezione della popolazione da essi. Inoltre, c’è un piano chiamato Ecophyto 2 di cui si vuole migliorare il funzionamento e la gestione. Questo particolare piano prevede l’attuazione dei regolamenti emanati in materia dal Parlamento Europeo.

Infatti, gli obiettivi della Francia sono anche quelli di cambiare la situazione a livello europeo spingendo tutti gli altri Paesi ad eliminare al più presto l’utilizzo dei pesticidi dannosi per la salute dell’uomo e a rivedere e aggiornare le tabelle degli elementi pericolosi. Il tutto per salvaguardare prima di tutto l’uomo ma anche l’ambiente e rendere perenne il non utilizzo di queste sostanze dannose.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rita Serretiello

Rita Serretiello - Spero che anche l'Italia si metta all'opera per attuare queste misure di restrizione sull'utilizzo di pesticidi dannosi (e soprattutto pericolosi) per la nostra salute. Nel nostro Paese facciamo tanti controlli sulla produzione delle materie prime ma facciamo anche tanta importazione da luoghi in cui non sappiamo nemmeno come fanno crescere i vegetali. Credo che nell'immediato futuro i politici dovrebbero concentrarsi su tutto questo: sul farci mangiare sano e vegetali veri senza additivi di nessuna specie e, soprattutto, provenienti dall'Italia.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!