Iscriviti

Packaging, rivoluzione nel confezionamento dei prodotti

Il packaging ha una nuova rivoluzione, arriva infatti il Pla (acido polilattico): sarà biodegradabile, niente più pellicole di alluminio o trasparente e tutela il prodotto dalla proliferazione dei batteri.

Ambiente
Pubblicato il 26 aprile 2021, alle ore 19:40

Mi piace
3
0
Packaging, rivoluzione nel confezionamento dei prodotti

Un nuovo metodo rivoluzionario per la conservazione dei cibi è stato attuato, si tratta dell’acido polilattico (PLA), una molecola completamente biodegradabile che soppianterà la vecchia carta , per conservare i cibi, bevande e materiali in vetro, utilizzato tramite cellophane e non consentirà la trasmissione di molecole dannose.

I ricercatori dell’Università di Bologna hanno collaborato tutti insieme tramite le aziende Gima e Ilapak, e Barilla. È così nato il progetto EcoPackLab; Santina Romani del Ciri Agro e coordinatrice del progetto spiega: “il prodotto è fatto per resistere alla proliferazione di batteri e alla reazione di combinazione con l’ossigeno.

Dopo vari studi è stato deciso di utilizzare un sistema a “plasma freddo“. È stato quindi scelto un sistema di ionizzazione e secondo gli ingegneri che lo hanno realizzato “è stato provato a contatto con l’olio e il pesto, mischiato a una speciale bobina per realizzarlo, per vedere se entrava in contatto, e non c’è stata proliferazione di batteri”.

Il prodotto diverrà quindi a lunga conservazione con questo nuovo packaging, a cui molte aziende europee sono già interessate. È composto da speciali rulli di applicazione,  fatto a bobine, con uno speciale film sopra completamente compostabile, e biodegradabile, a favore della sostenibilità.

Costruita da una equipe di scienziati, “può funzionare con due bobine e lavora polimeri di vario genere con grado di biodegradabilità dal 20% in su”. È stata verificata la macchina agli stabilimenti ima di Ozzano. In un laboratorio adatto alla produzione.  Klaus Peters direttore di Ima food spiega: marchi multinazionali come Unilever, Nestlé, Oreal ed Henkel.ci chiedono la consulenza sui materiali da imballaggio”.

Un materiale che rispetta l’ambiente quindi ed è attento alla biodiversità, che rivoluzionerà l’era del packaging, e sarà richiesto in tutto il mondo. un investimento di 1,35 milioni complessivi di cui 787 mila euro co-finanziati dal Fondo europeo di sviluppo regionale 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Martina Capit

Martina Capit - Credo che sia un metodo innovativo. È sicuramente a favore dell'ambiente. il che è tutto di guadagnato. gli scienziati hanno avuto un'idea eccezionale, spero avrà presto riscontro ovunque, soprattutto perchè non danneggia i cibi e non permette la proliferazione di batteri. Gli italiani hanno sempre avuto idee eccezionali.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!