Iscriviti

M’illumino di Meno: 1° marzo tutti attivi per il risparmio energetico

L'iniziativa "M'illumino di meno", messa in atto per sensibilizzare la popolazione al risparmio energetico, torna, oggi 1° marzo come ogni anno. Accolta dalle istituzioni e da molte grandi aziende.

Ambiente
Pubblicato il 1 marzo 2019, alle ore 13:31

Mi piace
14
0
M’illumino di Meno: 1° marzo tutti attivi per il risparmio energetico

M’illumino di Meno, la Giornata dedicata al risparmio energetico e all’assunzione di stili di vita sostenibili, torna, dal 2005, ad essere riproposta ai singoli cittadini, alle piccole e grandi aziende, e alle istituzioni, per sensibilizzare alla salvaguardia dell’ambiente mediante un’economia circolare.

Quindici anni fa, per la prima volta, è stata proposta durante una trasmissione di Rai Radio2Caterpillar, chiedendo agli ascoltatori di spegnere le luci non indispensabili. Da allora, con orari diversi nel corso della giornata, in molti hanno aderito all’iniziativa.

L’iniziativa

Le cose che utilizziamo tutti i giorni si deteriorano, si rompono, ci stancano e finiscono, mentre è in nostro potere continuare a farle vivere, riducendo gli sprechi e riutilizzando i materiali. Non solo gli oggetti, ma le stesse risorse necessarie a riprodurli, finiscono. Da qui l’invito della Giornata a non buttare gli oggetti, perché tutto si rigenera: dalle bottiglie di acqua minerale si possono ricavare dei maglioni, dalla carta dei giornali si ricava altra carta, e così via.

Questa sera, dalle 19 alle 20, si spegneranno le luci nelle piazze italiane e quelle che illuminano la Torre di Pisa, il Colosseo, e l’Arena di Verona. Dalle 18 alle 18.30 verranno spente le luci del Quirinale e di altri importanti Palazzi e Musei. Il Ministero dell’Ambiente farà spegnere le luci dei parchi nazionali e accenderà le luci a mare nelle aree marine protette.

Le visite guidate in decine di Musei verranno effettuate a bassa luminosità, le scuole dedicheranno un momento per discutere e riflettere sull’efficienza energetica, molti ristoranti proporranno la cena a lume di candela, dalle piazze cittadine prive di luci si potrà osservare il cielo notturno. 

Sono diverse le aziende che hanno aderito all’iniziativa cui parteciperanno liberamente anche i singoli cittadini e le famiglie. Intesa Sanpaolo, Coop, AbbVie Italia, Michelin, Acea e molte altre, venerdì sera spegneranno le luci per dare il loro contributo alla campagna di sensibilizzazione sull’uso consapevole dell’energia elettrica. Fabrizio Greco, amministratore delegato di AbbVie Italia, ha affermato: “Aderiamo con grande convinzione all’iniziativa perché la riduzione dell’impronta ambientale, l’efficienza energetica, il riutilizzo delle risorse costituiscono per noi obiettivi prioritari e irrinunciabili“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Secondo me questa iniziativa è valida e "costa" davvero poco, restituendo in cambio grandi benefici per l'ambiente. Renderla obbligatoria, e non solo per un giorno l'anno, toglierebbe il fascino che essa produce, ma garantirebbe un maggiore beneficio...I monumenti, secondo me, potrebbero, per esempio, essere illuminati solo alcuni giorni l'anno, e si potrebbero adottare iniziative di questo tipo per le piazze e i Palazzi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!