Iscriviti

L’aereo è il mezzo di trasporto più inquinante: emette il 2% di tutta la CO2 prodotta nel mondo

Sulla base dei dati diffusi dall’Air Transport Action Group, il traffico aereo sarebbe responsabile del 2% di tutte le emissioni di CO2 prodotte dall’attività umana. Tutto ciò fa dell’aereo il mezzo di trasporto più inquinante per chilometro percorso.

Ambiente
Pubblicato il 1 ottobre 2019, alle ore 21:33

Mi piace
6
0
L’aereo è il mezzo di trasporto più inquinante: emette il 2% di tutta la CO2 prodotta nel mondo

L’aereo sarà anche il mezzo di trasporto più sicuro, ma in fatto di impatto ambientale è di gran lunga il più inquinante che si possa scegliere. A certificare questo triste primato è stato l’Air Trasport Action Group, un consorzio composto da più esperti del settore dell’aviazione che hanno a cuore le tematiche dello sviluppo sostenibile.

Dati alla mano, il comparto è responsabile dell’emissione del 2% di tutte le emissioni di CO2 riconducibili all’attività produttiva dell’uomo. A supporto di questo dato troviamo le conclusioni dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, che nel 2016 indicò l’intero settore dei trasporti come il responsabile della produzione del 13% di tutte le emissioni di anidride carbonica.

Sulla base di questa premessa, bisogna dedurre che volare sia la modalità di spostamento più rapida e sicura, ma allo stesso tempo altamente inquinante. Per chilometro percorso, risulta infatti che ogni passeggero sia responsabile dell’emissione di 285 grammi di CO2, più di 20 volte rispetto al treno e più di 6 volte rispetto ad una comune automobile. Si spiega quindi perché il traffico europeo di luglio 2019 (oltre un milione di voli) abbia generato non meno di 20,7 milioni di tonnellate di CO2.

A conferma di tutto ciò troviamo le statistiche della Commissione Europea, che annovera nella top ten delle società più inquinanti ben nove centrali a carbone, tra cui la più pericolosa si trova a Belchatow, in Polonia. Il decimo e ultimo posto di questa graduatoria è però appannaggio di Ryanair, che nel 2018 ha prodotto qualcosa come 9,9 megatonnellate di CO2.

Ne consegue che tutti i più grandi costruttori mondiali di aeromobili sono chiamati a sviluppare dei sistemi di propulsione alternativi, alimentati da fonti diverse dai combustibili fossili. Anche perché stando alle previsioni, nei prossimi anni il traffico aereo è destinato ad aumentare. Solo nel 2018 l’aumento rispetto all’anno precedente è stato del 6%, raggiungendo un numero di passeggeri pari a 8,8 miliardi di persone: in altre parole è come se tutti gli abitanti del pianeta avessero fatto almeno un viaggio in aereo nel corso di un anno.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - È chiaro che nel momento in cui si vuole rinunciare al petrolio e al carbone, ogni processo produttivo deve essere rivisto, così come l’intero sistema dei trasporti. Gli aerei sono dei mezzi molto comodi ma, così come oggi concepiti, anche particolarmente inquinanti. Ridurre il loro impatto sull’ambiente è un obbligo che non possiamo più procrastinare.

Lascia un tuo commento
Commenti
Deciso Fangosi
Deciso Fangosi

02 ottobre 2019 - 09:25:17

Oltre all'acqua e alla luce solare, non è l'anidride carbonica una delle principali ingredienti che le piante assorbono, al fine di rendere il glucosio, attraverso la fotosintesi, rilasciando così l'ossigeno di cui gli animali e gli esseri umani hanno bisogno, per sopravvivere, che a loro volta rilasciano anidride carbonica che le piante evidentemente bisogno, per sopravvivere?

0
Rispondi