Iscriviti

La promessa di un petroliere pentito: “Pulirò gli oceani dalla plastica”

È uno degli uomini più ricchi della Norvegia, un petroliere che ha fatto miliardi grazie a trivellazioni e petrolio, ma ora è pentito e vuole correre ai ripari: “Pulirò gli oceani dalla plastica”.

Ambiente
Pubblicato il 12 febbraio 2019, alle ore 20:31

Mi piace
20
0
La promessa di un petroliere pentito: “Pulirò gli oceani dalla plastica”

Kjell Inge Rokke è un petroliere miliardario, il decimo degli uomini più ricchi della Norvegia, che ha costruito il suo impero con le trivellazioni petrolifere, ma sta dando una svolta alla sua vita con la promessa di ripulire gli oceani dalla plastica. Rokke è nato da una famiglia umile ed è stato lui stesso un pescatore con la sola istruzione primaria.

Ma con tanto impegno e sforzi è diventato uno dei maggiori azionisti di una compagnia petrolifera norvegese di trivelaggio e spedizione di petrolio, uno dei più importanti corporate rader. Si potrebbe definirlo un uomo senza scrupoli, ma già nel 2015 aveva deciso di cambiare rotta mettendo a disposizione borse di studio per la tematica dell’inquinamento marittimo agli studenti norvegesi.

Oggi ha deciso di prendere ancora più a cuore la catastrofe ambientale che annuncia che, entro il 2050, in mare ci sarà più plastica che pesci; quindi, invece di continuare a sporcare il mare e devastare i fondali con le trivelle, Rokke ha deciso di finanziare la costruzione di una nave gigantesca che servirà a raccogliere la plastica dagli oceani.

La nave si chiamerà REV (Research Expedition Vessel), e sarà una nave da record, la più grande mai costruita: sarà lunga 180 metri e il suo equipaggio sarà composto da 40 membri. Lo scopo della sua costruzione sarà quello di monitorare e ripulire i mari dalla plastica. Si prevede che sarà pronta per l’anno prossimo e si stima che raccoglierà 5 tonnellate di rifiuti plastici dall’oceano. Il futuro di questi rifiuti è quello di essere scoccati e riciclati in Norvegia, per dare un ulteriore utilizzo alla plastica.

Inoltre, il progetto di Rokke, prevede una collaborazione con il WWF, infatti la nave ospiterà ulteriori 60 persone scelte tra gruppi di ambientalisti, ricercatori ed esperti in vari campi per monitorare gli oceani, migliorare il funzionamento della nave e trovare nuove soluzioni alle problematiche legate allo sfruttamento e inquinamento dei mari.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rita Serretiello

Rita Serretiello - Sono contenta che un miliardario dia il suo sostegno per pulire i mari, come già altri prima di lui si sono impegnati in questa difficilissima battaglia contro la plastica e, in generale, contro l'inquinamento. Il progetto di questa nave è bellissimo, perché permetterà di svolgere diverse buone azioni contemporaneamente: monitorare la situazione dei mari, ripulirli dalla plastica, fare ricerche su nuove soluzioni contro l'inquinamento e dare la possibilità agli studiosi di fare ricerche in questo ecosistema così immenso ma delicato. Spero che molti altri prenderanno spunto dal suo esempio per costruire altre navi pulitrici.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!