Iscriviti

Il rapporto Onu sui cambiamenti climatici è catastrofico

le concentrazioni di gas serra, l'innalzamento del livello del mare, il riscaldamento e l'acidificazione degli oceani hanno tutti stabilito nuovi record lo scorso anno.

Ambiente
Pubblicato il 18 maggio 2022, alle ore 18:25

Mi piace
2
0
Il rapporto Onu sui cambiamenti climatici è catastrofico

Ascolta questo articolo

Condizioni meteo estreme, in India e Pakistan le temperature percepite sono di 51°, e in Italia l’arrivo di Hannibal con temperature di oltre 32 gradi, ben oltre la media stagionale, non fa ben sperare, danni che causano ulteriori danni all’umanità in termini di incolumità, di sicurezza alimentare, costringendola a migrare.

I negoziati delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si terranno in Egitto quest’anno nell’ambito della COP27. i 7 ultimi anni, in particolare dal 2015 al 2019, sono stati i più caldi di sempre. Il segretario generale dell’Onu Guterres: “La trasformazione verso l’energia rinnovabile è il progetto di pace del 21esimo secolo. Stiamo bruciando la nostra unica casa”.

Lo scorso anno anche il riscaldamento degli oceani ha fatto registrare un nuovo picco e ci si aspetta che proseguirà la tendenza in futuro. Gli oceani assorbono il 23% delle emissioni di CO2 causate dall’uomo nell’atmosfera: l’anidride carbonica, reagendo con l’acqua del mare, la rende più acida abbassando il suo ph.

Il piano Onu chiede inoltre di porre fine ai sussidi governativi per i combustibili fossili: “Mentre le persone soffrono per i prezzi elevati alla pompa, l’industria del petrolio e del gas sta guadagnando miliardi da un mercato distorto. Questo scandalo deve finire. Il mondo deve agire in questo decennio per prevenire il peggioramento degli effetti del cambiamento climatico e per mantenere l’aumento della temperatura al di sotto di 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali” continua il segretario Guterres. 

Il buco nell’ozono sopra l’Antartide segna una dimensione e una profondità eccezionali. La sua superficie massima raggiunge 24,8 milioni di km2, l’equivalente di tutta l’Africa, alcuni ecosistemi si stanno degradando ad un ritmo senza precedenti; l’aumento delle temperature aumenta il rischio di perdita irreversibile degli ecosistemi marini e costieri, la nostra capacità di sostenere la vita umana è migliorata, anche se le perdite economiche crescono in modo esponenziale.

Tuttavia, molto resta da fare, come dimostrano l’attuale siccità nel Corno d’Africa, le recenti inondazioni mortali in Sud Africa e il caldo estremo sperimentato da India e Pakistan.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Martina Capit

Martina Capit - Speriamo che i governi attuino al più presto sistemi per prevenire queste ondate di caldo anomalo, le temperature eccezionali che si registrano anche all'estero potrebbero portare ad eventi estremi, la natura si sta ribellando e, se tutto ciò accade, è tutta colpa dell'uomo che continua a produrre gas serra ed inquinamento.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!