Iscriviti

Il mare soffoca per la plastica: "L’Italia faccia la sua parte"

Nella Giornata mondiale della biodiversitĂ , Legambiente lancia a Ostia l'iniziativa di "pulizia". E' presente Laura Boldrini, presidente della Camera e Silvia Velo, la sottosegretaria.

Ambiente
Pubblicato il 22 maggio 2017, alle ore 18:07

Mi piace
20
0
Il mare soffoca per la plastica: "L’Italia faccia la sua parte"
PubblicitĂ 

E’ partita l’iniziativa ‘Spiagge e fondali puliti-Clean up the med’ di Legambiente. Un gruppo di volontari da Capocotta – Ostia (Roma), il Lido poco distante dalle Secche di Tor Paterno, un’area marina protetta sta organizzando le attività per spiagge e fondali puliti che riguarderà l’intero littorale mediterraneo italiano. Più di 300 iniziative verranno messe in atto dal 26 al 28 maggio in tutta Italia, vi partecipano molti volontari amanti del mare.

Oggi, Giornata mondiale della biodiversità, a cui ha partecipato la presidente della Camera, Laura Boldrini e la sottosegretaria all’Ambiente, Silvia Velo è stata l’occasione giusta per presentare l’iniziativa da parte di Legambiente.

L’urgenza viene raccontata così dall’associazione ambientalista: “I rifiuti in mare minacciano la biodiversità e mettono a rischio le specie marine è necessario mettere in campo politiche di prevenzione e sensibilizzazione coinvolgendo i cittadini e le giovani generazioni”.

Legambiente chiede, insieme a tutti coloro che aiutano a ripulire le spiagge, bambini di molte scuole compresi “maggior rispetto e tutela per il mare e la biodiversità marina” ribadendo che è necessario “mettere in campo politiche di prevenzione e sensibilizzazione per ridurre gli impatti ambientali ed economici”. I rifiuti in mare, ricorda Rossella Muroni, presidente di Legambiente, sono un costo per l’Unione Europea, “ben 476,8 milioni di euro l’anno”.

L’Italia – secondo la presidente Muroni– ne sta risentendo: la biodiversità sta diminuendo velocemente una delle cause è l’inquinamento marino, che, tra l’altro, non è senza conseguenze per l’uomo, per l’economia e per i settori della pesca e del turismo.

Invita allora l’Italia a fare la sua parte nel raccogliere la sfida lanciata da Marine Strategy ai paesi membri: entro il 2020 raggiungere uno stato ecologico buono per i nostri mari. 
La Boldrini guarda alle nuove generazioni: “Bisogna sensibilizzare i più piccoli alla salvaguardia dell’ambiente e insegnare loro che il mare è un bene che appartiene a tutti”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - Bel tema quello dei mari, e magari anche delle città, puliti. Da una parte c'è il volontario che raccoglie, che rispetta e ama l'ambiente, dall'altra il maleducato che sporca, getta e non se ne cura. Belle le iniziative a favore dell'ambiente, sarebbe utile anche partecipare - chi in un modo, chi nell'altro - un po' tutti.

Lascia un tuo commento
Commenti
Cinzia Giudici

24 maggio 2017 - 09:11:40

Basterebbe essere civili, ma probabilmente è una parola che in troppi non conoscono ... la natura si è stancata di quanto poco la rispettiamo , infatti mai come in questi ultimi anni si è " fatta sentire" Ottime le iniziative, ma due tre giorni l'anno servono a poco .. certo meglio che niente .

0
Rispondi