Iscriviti

Estate al mare: come riconoscere i pericoli nascosti dalle onde

Un bagno al mare potrebbe essere fatale. Ecco come riconoscere ed evitare la pericolosissima corrente di risacca, fatale per i bambini e altrettanto pericolosa per i nuotatori poco esperti

Ambiente
Pubblicato il 27 giugno 2017, alle ore 11:14

Mi piace
15
0
Estate al mare: come riconoscere i pericoli nascosti dalle onde
Pubblicità

Il mare rimane una delle mete più ambite dell’estate. La bella stagione porta il caldo e l’afa, quindi non c’è niente di meglio di un bel bagno ristoratore in riva alla spiaggia. Ma attenzione! La cronaca ci ricorda ogni anno quanto terribile e letale possa essere il mare, per cui non bisogna sottovalutare nemmeno un bagno a riva, apparentemente innocua e sicura. Ecco come riconoscere i pericoli quotidiani di un bagno al mare e come comportarsi per uscirne illesi.

Saper riconoscere una corrente di risacca vi potrebbe salvare la vita. Ma iniziamo con il spiegare che cos’è una corrente di risacca. Ebbene, quando ci si trova su una lunga spiaggia e si osservano le onde, si nota come ad un certo punto ci sia una porzione di onde “piatte”. In quello spazio apparentemente calmo, c’è una corrente di risacca. In poche parole, l’acqua in quel punto si muove in direzione opposta creando un risucchio verso il mare. 

La corrente di risacca diventa quindi un posto pericolosissimo per le persone, in particolar modo letale per i bambini e per i nuotatori poco esperti. Proprio perchè questo tipo di corrente si forma davanti alla spiaggia, lo si può considerare il pericolo numero uno dei bambini poichè trascina con sé tutto ciò che incontra.
Ecco le 3 cose da ricordare per riconoscere una corrente di risacca:

1. Più lunga è la spiaggia più c’è il rischio di buche e quindi è più facile che ci siano correnti di risacca.

2. Una corrente di risacca si forma in un canale vicino alla riva, tra due banchi di sabbia, dove l’acqua è più profonda.

3. Occhio alle onde. Se hanno la cresta bianca significa che sono su un fondale basso, se non hanno la cresta bianca sono su un fondale alto. La stessa onda può da una parte la cresta bianca, in dall’altra no. Le zone senza cresta bianca sono quelle da evitare.

Che cosa fare se si viene catturati dalla corrente? Come spiegato prima, se si viene risucchiati dalla corrente di risacca, ci si sente trasportati verso il largo. La cosa peggiore da fare è cercare di nuotare contro corrente per tornare a riva, la corrente è troppo forte e si rischia di perdere subito le energie e non farcela. La cosa migliore è cercare di rimanere semplicemente a galla e di attirare l’attenzione di un bagnino o qualcuno a riva. Se vi sentite in forze e siete nuotatori allenati potete provare ad uscire dalla corrente nuotando parallelamente alla spiaggia. In genere le correnti sono strette e perpendicolari alla riva, e la strada da fare per uscirne è poca.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Lorenzon

Chiara Lorenzon - Quello della corrente di risacca è un rischio che viene sottovalutato spesso. In molti non sanno che con dei piccoli accorgimenti si possono salvare delle vite. Una corrente che risucchia ciò che incontra e lo trasporta a largo potrebbe essere letale per un bambino che non sa nuotare bene visto, che risulterà difficile anche stare a galla.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!