Iscriviti

Emergenza siccità: la situazione nelle regioni più critiche

Situazioni molto critica in Emilia Romagna, il Governo decreta lo stato d'emergenza a Parma e Piacenza, e la situazione resta critica anche in altre regioni d'Italia.

Ambiente
Pubblicato il 22 giugno 2017, alle ore 19:32

Mi piace
8
0
Emergenza siccità: la situazione nelle regioni più critiche
Pubblicità

Con l’emergenza caldo che gira da alcuni giorni, ora si aggiunge anche quella dell’acqua. Dopo un inverno avaro di pioggia, ora le risorse idriche iniziano a scarseggiare. A rischio sono tante cose, come il bestiame i raccolti ed anche gli esseri umani, e con la scarsità di acqua bisogna iniziare a razionarla, con le chiusure del servizio in alcune ore del giorno, e le temperature che vengono previste nei prossimi giorni non portano buone notizie, e in ogni regione si son prese decisioni diverse per combattere questo fenomeno

  • Sardegna: le precipitazioni registrate nell’isola sono state così poche negli ultimi quattro anni da far considerare l’ultimo quadriennio il più grave dal 1922. Infatti la pioggia caduta dal 2015 e al 2016 è stata poca, tra il 30%  ed il 45% in meno rispetto alla media nazionale, e la situazione è peggiorata negli ultimi tre mesi, con una negatività che è scesa tra il 70% fino al 90%.
  • Piemonte: anche in questa regione hanno sofferto le poche precipitazioni, ed il bacino del Po è sotto la media; A rivelare i dati sono l’Arpa Piemonte, l’agenzia per la protezione ambientale, che ha registrato il meno 65% rispetto agli anni precedenti.
  • Veneto: la situazione di questa regione è molto grave: Luca Zaia infatti ha firmato un’ordinanza che conferma lo stato di crisi idrica, e si temono conseguenze per gli acquedotti. Nell’Adige poi i Consorzi dovranno ridurre il loro prelievo dell’acqua dal fiume.
  • Friuli Venezia Giulia: Anche nel Friuli, per via delle poche piogge, è stato dichiarato lo stato di emergenza. Nel bacino del Tagliamento le precipitazioni sono state il 54% del valore medio mensile, mentre in pianura hanno oscillato dal 65% fino al 72%, ed il mese di giugno si prospetta un mese assai arido.

La situazione più grave però resta nell’Emilia Romagna, soprattutto a Parma ed a Piacenza che hanno il chiesto di stato di emergenza per accontentare i turisti che richiedono più acqua, con la Coldiretti Parma che ha già lanciato il rischio sull’agricoltura, ortaggi e tutto ciò che appartiene alla natura.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - L'emergenza acqua inizia a colpire alcune ragioni, anche per via delle poche piogge avvenute in questo inverno. La situazioni assai grave è nell'Emilia Romagna, dove i turisti richiedono più acqua ed hanno dichiarato la situazione d'emergenza. Anche nel Friuli Venezia Giulia, Veneto, Piemonte e Sardegna la situazione non è migliore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!