Iscriviti

Da Milano a Torino con la super pista ciclabile di 82 chilometri

Dal 2020 si potrà raggiungere la città di Torino in bici, partendo dal Duomo di Milano fino alla Mole Antonelliana, passando dai Navigli, dal canale Cavour, dal Parco del Ticino e del Po.

Ambiente
Pubblicato il 24 gennaio 2019, alle ore 22:31

Mi piace
9
0
Da Milano a Torino con la super pista ciclabile di 82 chilometri

Una pista ciclabile di 82 chilometri, già presente da Milano a Turbigo, verrà completata arrivando fino a Torino, grazie ad un protocollo di intesa firmato pochi giorni fa dalla Regione Piemonte, dalle Città Metropolitane di Novara e Vercelli, dai parchi del Po, del Ticino, della Collina Torinese, del Canale Cavour e del lago Maggiore.

Inoltre, hanno aderito anche la Coutenza del Canale Cavour, il Consorzio Ovest e il Consorzio Est. Il Canale fu voluto dal Conte Camillo Benso di Cavour nell’Ottocento per supportare l’agricoltura. Il punto di partenza della pista ciclabile sarà tra Chivasso e Crescentino e percorrendo il Canale Cavour si raggiungerà Galliate e il Ticino.

E poi da Turbigo passando da Sesto Calende, fino ai Navigli, attraversando anche un’ampia zona del Parco Sud fino alla Darsena. Per la realizzazione della nuova infrastruttura saranno stanziati circa 25 milioni di euro e la pista sarà interamente curata dalla Città metropolitana di Torino.

Una pista ciclabile con una carreggiata di tre metri e mezzo, ad uso esclusivo dei ciclisti e facile da percorrere, in quanto la maggior parte dei tratti sono pianeggianti, così da poter essere utilizzata anche da chi non è un ciclista allenato. Un progetto di mobilità che prende esempio da altri paesi stranieri come la Germania, che è addirittura arrivata a costruire un’autostrada solo per chi va in bici.

Ormai la ciclovia sta diventando una risorsa fondamentale per l’ambiente e il turismo di un Paese. È un modo per attrarre turisti appassionati di bici e per cercare di evitare l’utilizzo di mezzi inquinanti che danneggiano la salute e l’ambiente circostante. I risultati soddisfacenti per una green economy di successo hanno convinto molte amministrazioni, come la regione Piemonte e la città di Torino appunto, ad investire sempre più in questi progetti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marcello Strano

Marcello Strano - La realizzazione di infrastrutture per la mobilità alternativa negli ultimi anni sta diventando la scommessa del futuro per rendere le città più vivibili. La Milano-Torino non è l'unica, si è già firmato per la costruzione di tre ciclovie turistiche nazionali: la VenTo tra Venezia e Torino, la Ciclovia del Sole tra Verona e Firenze e la Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese tra Puglia, Basilicata e Campania.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!