Iscriviti

Cambiamenti climatici: scienziati trasformano l’anidride carbonica in carbone

Un gruppo di ricercatori australiani ha trovato un metodo per trasformare l'anidride carbonica in carbone utilizzando un metallo liquido. Ecco come funziona.

Ambiente
Pubblicato il 27 febbraio 2019, alle ore 11:03

Mi piace
4
0
Cambiamenti climatici: scienziati trasformano l’anidride carbonica in carbone

Il problema del cambiamento climatico riguarda proprio il modo in cui si trasforma il carbone in anidride carbonica. Gli scienziati, però, hanno trovato un modo per rendere la trasformazione reversibile, ovvero partendo dall’anidride carbonica si torna al carbone solido. Per farlo è stato utilizzato del metallo liquido e questa tecnologia potrebbe rappresentare un’importante novità per lo stoccaggio dell’anidride carbonica.

La novità arriva dall’Università di Melbourne, in Australia, e la ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature Communications, confermando come con questa trasformazione sia possibile ridurre l’effetto serra sul pianeta Terra. Al momento, la migliore soluzione utilizzata è quella di comprimere la CO2 in forma liquida e dopo averla portata in posti adatti, sotterrarla. Ciò però, oltre a costare molto, implica anche dei danni ambientali non di poco conto.

Stoccaggio anidride carbonica: la trasformazione in carbone

Proprio per l’impatto ambientale, i ricercatori hanno sostenuto che la soluzione di convertire l’anidride carbonica in carbone è decisamente più ecologica. Uno dei consiglieri della ricerca ha affermato: “Ad oggi, la CO2 è stata convertita in un solido a temperature estremamente elevate, rendendolo industrialmente non redditizio. Usando i metalli liquidi come catalizzatore, abbiamo dimostrato che è possibile riportare il gas in carbonio a temperatura ambiente, in un processo efficiente e scalabile”.

Dunque per poter trasformare l’anidride carbonica è stato necessario progettare un catalizzatore estremamente efficiente nel condurre l’elettricità durante la trasformazione chimica. L’anidride carbonica viene raccolta in un contenitore chiamato becker e in quest’ultimo viene aggiunto dell’elettrolita liquido.

A quel punto, si effettua il passaggio di corrente e lentamente l’anidride carbonica si trasforma in pezzi solidi di carbone. Un effetto positivo derivante da questa tecnologia è che il carbone prodotto presenta una carica elettrica, quindi diventerebbe un supercondensatore che potrebbe essere usato anche per fare i componenti dei veicoli.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Una soluzione geniale. Poter "tornare indietro nel tempo" tramite reazioni chimiche è l'ideale per avere sempre a disposizione delle risorse da sfruttare. Questo potrebbe rendere più facile anche lo smaltimento della CO2 delle auto, visto che ultimamente si verificano tanti stop alle circolazioni proprio per l'aria particolarmente inquinata nelle città principali.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!