Iscriviti

Aggregarsi ad un GAS conviene due volte

Il Gruppo di Acquisto Solidale è un ottimo rimedio per poter risparmiare sulla spesa, garantendosi prodotti che rispettano l'uomo e l'ambiente. Aggregarsi, o creare un gas, è molto semplice ed è alla portata di tutti.

Vivere Low Cost
Pubblicato il 20 gennaio 2017, alle ore 11:23

Mi piace
10
0
Aggregarsi ad un GAS conviene due volte
Pubblicità

Sei alla ricerca di un sistema utile, che ti permetta di risparmiare sulla spesa, senza privarti della qualità dei prodotti? Se la risposta è “sì”, sono lieto di informarti che questo è possibile ed è molto più semplice di quanto tu possa credere: hai mai sentito parlare dei GAS (Gruppo di Acquisto Solidale)?

Esistevano già nel 2009, è un metodo altrnativo di fare la spesa che, oltre ad essere vantaggioso dal punto di vista monetario, è anche utile per quanto concerne la qualità dei prodotti acquistati, in particolare i prodotti “freschi” – latte, pane, formaggi -.

Un gruppo di persone si incontra per fare la spesa, acquistando principalmente prodotti di prima necessità, preferendo i produttori che rispettano la natura: ecco perchè “Solidali”.

E’ un ottimo modo per evitare tutti i costi di intermediazione che si generano nei vari passaggi di tutta la filiera di distribuzione; oltretutto, acquistando “in gruppo”, il prezzo sarà di gran lunga inferiore rispetto al prezzo di vendita “finito”, in alcuni casi si può arrivare a pagarli quanto li pagano gli stessi negozianti.

risparmiare-soldi-con-i-gas

Organizzare un gruppo d’acquisto è molto più semplice di quello che si possa immaginare, basta iniziare a parlarne con parenti ed amici, evidenziando la possibilità di “acquisti collettivi“. Con  gli interessati ci si occupa di ricercare, nella zona, piccoli produttori che rispettano l’uomo e l’ambiente, si raccolgono gli ordini tra gli aderenti e si acquistano i prodotti: non rimane che distribuirli.

In Italia sono molti i gruppi d’acquisto formati tra condomìni. E’ ovvio che, anche sul web, si possono trovare gruppi d’acquisto ai quali “potersi aggregare” che, oltretutto, è molto più comodo in quanto “già tutto organizzato”; basta fare una semplice ricerca su internet.

I gruppi d’acquisto “ufficiali” sono collegati tra loro in una rete che, grazie allo scambio di informazioni ed esperienze personali, permette un aiuto reciproco e contribuisce alla “divulgazione di questa filosofia“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Francesco Pezzuto - Personalmente non ho mai partecipato ad uno di questi gruppi, ma l'idea mi sembra davvero interessante: andare presso un rivenditore ed avere io (cliente) "il coltello dalla parte del manico", facendogli notare che, avendo bisogno di un certo numero di prodotti, potrei essere un "buon cliente". Va da sé che lo stesso produttore mi venderà la merce al medesimo prezzo che l'acquistano i negozianti (pago la merce al costo di un grossista); oltretutto, contribuisce ad "arricchire" l'economia locale, creando meno dispersione di denaro.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!