Iscriviti

Obesità e malattia renale cronica sono in aumento

Negli ultimi 40 anni è cambiato il modo di nutrirci, conformatosi ai costumi e ai modelli di vita del mondo occidentale. Con facilità assumiamo cibo a più elevato livello calorico con effetti negativi sul nostro corpo.

Salute
Pubblicato il 9 marzo 2017, alle ore 13:02

Mi piace
12
0
Obesità e malattia renale cronica sono in aumento
Pubblicità

Negli ultimi 40 anni è cambiato il modo di nutrirci, si è conformato ai costumi e ai modelli di vita del mondo occidentale. Con facilità viene assunto cibo a più elevato livello calorico, come gli alimenti raffinati, con un alta densità energetica, molto ricchi di proteine animali, di grassi saturi, di sale e zuccheri, e poveri invece di fibra.

Molti di questi cibi sono conservati. Lo stesso modo di consumare i pasti è cambiato: non si mangia a casa, lo stile di vita è più sedentario. L’ambiente in cui viviamo è definito “obesogeno”, ossia capace di diffondere l’obesità come stile di vita. Nei prossimi dieci anni si pensa che il numero di persone obese possa raggiungere il 40% della popolazione. Come conseguenza a tutto questo aumenteranno anche il numero di ipertesi e di diabetici, tutti soggetti a rischio per la Malattia Renale Cronica (MRC).

La Giornata Mondiale del Rene, di giovedì 9 marzo, avrà come tema l’obesità. Per sapere se si è obesi viene utilizzato l’Indice di Massa Corporea (IMC), ottenuto dividendo il peso (in chilogrammi) per l’altezza (in metri al quadrato) della persona in questione. Il risultato ottenuto viene poi riferito a una tabella stabilita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Se il valore di IMC è uguale o superiore a 30 c’è indice di obesità, se l’IMC è oltre 40 l’obesità grave.

Altro parametro significativo, in particolare per il rischio cardiovascolare è la circonferenza vita: oltre i 102 cm per l’uomo e gli 88 cm per la donna il rischio è accentuato. Il danno renale è dovuto alla coesistenza di ipertensione e/o diabete, in seguito alla maggiore attività depurativa richiesta ai reni dovuta alla massa corporea. Nei soggetti obesi la calcolosi renale uratica è facilmente riscontrabile.

La Società Italiana di Nefrologia (SIN) insieme alla FIR, Fondazione Italiana del Rene, in occasione del World Kidney Day, è impegnata a richiamare l’attenzione su questi temi. Organizza alcuni momenti informativi, possibilità di screening e visite gratuite, manifestazioni nelle piazze, al fine di prevenire le malattie renali o rallentarne il processo grazie a uno stile di vita più sano e una alimentazione equilibrata, con il giusto apporto di acqua, limitando, in particolare l’uso di alcol.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - A leggere certi parametri ci si sente obesi o quasi, anche se non lo si è, almeno manifestamente. Tocchiamo il tema del pranzo fuori casa, o frugale in casa... perché si deve correre a fare altro? Il tema della vita sedentaria è dovuto anche all'urbanizzazione e alla tecnologia, difficile non sentirsi coinvolti. Ben vengano questi screening e visite gratuite, le manifestazioni nelle piazze... ma oggi, 9 marzo, giorno lavorativo, se anche ci sono i gazebo, come immagino ci siano in tutte le piazze d'Italia, chi potrà avvicinarli? Sicuramente chi sta facendo una passeggiata per rompere la monotonia di una giornata in casa...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!