Iscriviti
Milano

Un cane resta chiuso per giorni sul balcone, si lancia e muore

Brutta fine per un cane che si lancia dal balcone per cercare dell'acqua, ma muore sul colpo. Una brutta fine che va presa in grande considerazione da tutti coloro che amano i cani: un trattamento che nessun animale dovrebbe ricevere.

Natura e Animali
Pubblicato il 6 giugno 2017, alle ore 15:58

Mi piace
17
0
Un cane resta chiuso per giorni sul balcone, si lancia e muore
Pubblicità

Un cane che abitava in via Abbadesse, a Milano, ha trascorso una giornata da inferno in questo anticipo di estate all’inizio di giugno. Il cane è rimasto chiuso sul balcone nella sua abitazione di via Abbadesse. In quella giornata di sabato 3 giugno 2017 il sole era davvero cocente, e l’esposizione al sole del piccolo terrazzo sul quale il cane era stato rinchiuso dai propri padroni ha costretto la povera bestiola a subire il caldo insopportabile di questo primo anticipo d’estate.

Fra l’altro il cane non aveva né cibo ma, soprattutto, non aveva neanche un po’ d’acqua con cui dissetarsi. Il cane è sicuramente rimasto intontito e disidratato a causa di questo trattamento irrispettoso da parte dei propri padroni e dalla signora che lo aveva preso da questi ultimi per il weekend.

Per questo motivo, il cane si è ritrovato ad abbaiare per cercare aiuto tra gli altri abitanti del condominio e le altre persone presenti lungo via Abbadesse in quella calda giornata, ma è chiaro che nessuno poteva accorrere in aiuto del povero cane.

La bestiola è rimasta senza voce e senza alcuna energia a causa di questa situazione ambientale terribile e non ha potuto fare altro, per cercare la salvezza, che lanciarsi dal terzo piano e cercare riparo e refrigerio: il cane, però, è morto sul colpo dopo il brutto volo.

La Polizia Locale del comando di zona non ha potuto fare altro che raccogliere la carcassa dell’animale morto e diporrre l’autopsia per cercare di comprendere quanto siano gravi le responsabilità della donna a cui era stato affidato il cane.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Claudio Bosisio - Il cane morto in via Abbadesse a Milano è l'esempio lampante di come si possa maltrattare gli animali senza mostrare alcun segno evidente di disamore per le nostre povere bestiole. I padroni di casa hanno fatto male a lasciare il loro cane ad una persona che non aveva alcun amore per quella bestiola. Il cane è letteralmente "cotto" sul balcone a causa del grande caldo e si è lanciato dal terzo piano per cercare un poco d'acqua. Il cane è morto sul colpo e quelli che hanno trattato il cane in quel modo devono pagare il giusto prezzo davanti alla giustizia.

Lascia un tuo commento
Commenti
Sabrina Giorgi

06 giugno 2017 - 21:41:49

mamma mia che nervoso leggere questi articoli... non potresti cortesemente postare articoli a lieto fine??? non ce la faccio più a leggere brutte notizie... :-(

0
Rispondi