Iscriviti

Yoga a scuola: perché inserirlo nella programmazione didattica

Aggiungere nell'orario scolastico una nuova disciplina. Sarà possibile? La proposta arriva da esperti del settore, e non solo. Sarebbe utile, nonché efficace - per tutti i bambini - frequentare una lezione di Yoga a scuola, almeno una volta a settimana.

Scuola e Istruzione
Pubblicato il 5 marzo 2017, alle ore 21:53

Mi piace
10
0
Yoga a scuola: perché inserirlo nella programmazione didattica
Pubblicità

La proposta è quella di inserire all’interno della settimana didattica a scuola, la pratica di una disciplina molto antica e decisamente inusuale in questo contesto.

In realtà però, sono molti i bambini che già si sono avvicinati a questo tipo di lezioni: i più piccoli, della scuola dell’infanzia e della scuola primaria, all’esterno del contesto scuola.

Innanzitutto bisogna conoscere la disciplina ed essere informati su quali sono gli obiettivi che si prefigge di raggiungere: le tecniche e gli esercizi dello Yoga, aiutano a sviluppare una maggiore consapevolezza del proprio corpo nel bambino, ma aiutano anche a ritrovare quel delicato equilibrio che esiste tra mente e fisico.

Le posizioni e i movimenti, che spesso appaiono difficili da effettuare, contribuiscono a promuovere uno sviluppo fisico armonico, particolarmente indicato per gli alunni che hanno difficoltà motorio- prassiche. Vengono corretti, infatti, tutti quegli errori che i bambini spesso assumono nella postura (si pensi a quando sopportano zaini pesanti sulle spalle o a quando sono seduti per cinque ore su una sediolina in legno) e migliorati, allo stesso tempo, le funzionalità fisiologiche del corpo e i suoi apparati (ad esempio quello respiratorio, cardiocircolatorio o articolatorio).

I benefici di svolgere Yoga a scuola, sono molteplici dunque: basta un’ora di lezione a settimana per iniziare a vedere i primi risultati. Attraverso vere e proprie tecniche di rilassamento, gli alunni potranno ritrovare serenità interiore e assorbire meglio ogni informazione che viene spiegata durante le ore di didattica frontale a scuola; non sarà solo il loro cervello ad immagazinare dati e nozioni, ma tutto il corpo verrà predisposto ad imparare qualcosa di nuovo.

L’idea di inserire nella programmazione questa disciplina, nasce dalla convinzione di poter migliorare notevolmente in termini qualitativi il “fare” scuola. La consapevolezza di avere una mente pensante e un corpo presente, rilassato e ricettivo, aiuterà gli alunni a ritrovare la giusta concentrazione e la consapevolezza di sé e delle proprie azioni.

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Nina Caporusso - Avvicinare gli alunni a scuola agli esercizi e alle tecniche Yoga, può aiutare molte insegnanti nella gestione di alunni con difficoltà diagnosticate, quali ad esempio i bambini con ADHD. E' importante che tutti gli alunni sentano il contesto scuola, come un ambiente sereno e disteso, perché possa valere per tutti il diritto all'istruzione sana e positiva. Aiutare i più piccoli a ritrovare la concentrazione attraverso tecniche di rilassamento, gioverà a tutta la classe, ma aggiungerei anche ai docenti. Sono sempre più numerosi i casi in cui gli insegnanti riportano benefici anche sul proprio lavoro a scuola, sottolineandone grandi benefici anche personali.

Lascia un tuo commento
Commenti
Maria Gabriella Olocco

07 marzo 2017 - 14:45:44

Trovo che sia un' ottima idea e che sarà accolta con interesse ed entusiasmo sia dai bambini che dagli adolescenti e potrà servire a migliora la situazione "condotta" che, a volte, diventa veramente ingestibile da noi professori.

0
Rispondi