Iscriviti

Scuola, esame maturità: ecco tutte le novità a partire dal 2018

Sono tante le novità che riguarderanno l'esame di maturità a partire dal 2018, tra queste anche quella che prevede la media del sei per essere ammessi alle prove finali. Ecco tutti i dettagli.

Scuola e Istruzione
Pubblicato il 18 gennaio 2017, alle ore 12:27

Mi piace
8
0
Scuola, esame maturità: ecco tutte le novità a partire dal 2018
Pubblicità

Le novità introdotte dal decreto legge – attualmente in esame alla Camera dei Deputati – comporterà dei significativi cambiamenti che riguardano l’esame di maturità, ovvero la prova più temuta e odiata dagli studenti italiani.

Dal 2018 sembra proprio che gli studenti italiani potranno affrontare le prove finali del percorso di studi della scuola superiore con una maggiore serenità, almeno così lasciano presupporre le novità proposte e attualmente sottoposte al giudizio dei parlamentari italiani.

Ma cosa riguarderanno esattamente queste novità? La prima e, forse, più eclatante riforma sta nel fatto che basterà avere solo la media del sei per poter essere ammessi all’esame di maturità; e a contribuire a uqesta media sarà contemplato anche il voto in condotta.

Attualmente, invece, per l’ammissione alle prove finali occorre avere il sei in tutte le discipline. Altra importante decisione per i maturandi 2018 sarà quella delle prove INVALSI; esami, la cui efficacia è stata oggetto di ampie e diffuse critiche – che ne mettono in discussione perfino la validità – ma che sembrano essere invece indispensabili per i nostri politici, tanto da renderle una condizione necessaria che gli studenti delle ultime classi devono necessariamente affrontare, indipendentemente dal buon superamento delle stesse.

In considerazione della riconosciuta importanza di avvicinare sempre più gli studenti al mondo del lavoro, altra novità sarà quella dell’introduzione dell’altrnanza scuola-lavoro, a cui segue quella della necessità di seguire almeno i tre quarti di lezioni del monte ore annuale previsto.

A fronte di questi obblighi, saranno eliminate la terza prova e la tesina; dunque i ragazzi andranno a confrontarsi con due prove scritte ed un coloquio orale. I commissari potranno assegnare fino ad un massimo di venti punti per ogni prova scritta – a differenza degli attuali quindici – e orale.

La commissione di esami rimane invariata con tre commissari interni, tre commissari esterni ed un presidente, che novità delle novità, dovrà sottoporsi ad una formazione ad hoc, e sorteggiati da un apposito albo istituito presso ogni Regione.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Tiziana Terranova - Chissà come passeranno la notte prima degli esami i maturandi del 2018... Certo, bisogna ammettere che l'introduzione della necessità della sola media del sei per poter accedere alle prove finali è sicuramente una novità che farà tirare un sospiro di sollievo a tanti maturandi, che altrimenti rischierebbero di ripetere nuovamente l'anno. Già, novità introdotta per liberare le aule scolastiche da ripetenti oppure perché si vuole snellire un odioso quanto temuto iter scolastico, che toglie il sonno a tanti genitori e a tanti figli?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!