Iscriviti

I nomi strani dei mobili Ikea non hanno più segreti

Difficili da pronunciare, difficili da capire nel loro significato se non si ha dimestichezza con lo svedese, oggi c'è una spiegazione: Ingvar, il fondatori, era dislessico, l'associare ai mobili oggetti familiari l'avrebbe aiutato.

Design
Pubblicato il 5 febbraio 2017, alle ore 11:11

Mi piace
13
0
I nomi strani dei mobili Ikea non hanno più segreti
Pubblicità

I mobili IKEA hanno dei nomi davvero incomprensibili: Brusali, Oumbarlig, Bjorksnas. Per chi non conosce lo svedese, è quasi impossibile attribuire un significato, tanto meno pronunciarli.

Attorno ai nomi che l’IKEA dà ai suoi prodotti sono nati, sui social network, gruppi di discussione che s’interrogano da anni e in tutto il mondo, sul segreto di queste parole. La risposta, imprevedibile e semplice, l’ha data la sorella di Ingvar Kamprad, il fondatore dell’azienda svedese, durante un’intervista a Quartz.

Quando Ikea è nata, era una piccola azienda a gestione familiare. A Kamprad fu affidato il compito di assegnare i nomi ai mobili e, insieme alla sorella, studiò una strategia che ancora oggi viene utilizzata in tutti i magazzini del mondo. Ingvar era dislessico e non riusciva a ricordare i codici dei prodotti, da qui l’idea di associare ai mobili gli oggetti familiari più facili da ricordare.

Così a tutti gli articoli riguardanti il bagno è stato associato il nome di un lago svedese, ai letti e agli armadi è stato dato il nome di alcuni luoghi della Norvegia; le librerie portano il nome di professioni o nomi propri maschili, compreso lo scaffale, sicuramente il più famoso al mondo, ‘Billy‘, in onore di Billy Likjedhal, impiegato nello store.

I nomi degli animali sono stati utilizzati per i prodotti per bambini, i tessuti e le tende portano nomi femminili tipici della Scandinavia. Più complessa l’assegnazione dei nomi a lampade e simili: alcune hanno per nome un’unità di misura, altre le stagioni, i mesi, i giorni o, addirittura, termini nautici.

Lo stesso nome IKEA ha un suo significato, riconducibile all’acronimo Ingvar, Kamprad, Elmtaryd e Agunnaryd: Ingvar Kamprad è il fondatore dell’IKEA, Elmtaryd è la fattoria di famiglia e Agunnaryd è il villaggio in cui Ingvar è cresciuto.

Lars Petrus, noto campione svedese di Cubo di Rubix, ha compilato – anche se ancora incompleto – un utile dizionario di nomi Ikea-Inglese, per chi volesse approfondire l’argomento.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - Dislessici o no, facciamo spesso uso un po' tutti delle associazioni, una cosa ne richiama un'altra. Certo è che a noi, quei nomi, non richiamano proprio nulla, è più facile frugare fino a trovare un codice numerico, almeno più facile da pronunciare. Non pensavo proprio esistessero gruppi di discussione attorno ai nomi assegnati ai mobili e addirittura un dizionario IKEA-Inglese; adesso aspettiamo che qualcuno si cimenti a tradurlo in IKEA-Italiano. Penso non mancherà molto, il problema sarà tenerlo aggiornato visto che se vai all'IKEA a chiedere un pezzo di ricambio per un prodotto a qualche mese dall'acquisto, è probabile che sia già fuori catalogo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!