Iscriviti
Roma

Con una storia di eroi, a Roma, si spiega la raccolta differenziata

L'idea di tre mamme diventa un progetto: insegnare ai bambini piccoli la raccolta differenziata. Altri temi in cantiere: le emozioni, il bullismo, la natura.

Ambiente
Pubblicato il 28 marzo 2017, alle ore 00:35

Mi piace
15
0
Con una storia di eroi, a Roma, si spiega la raccolta differenziata
Pubblicità

PLINKI, il mistero di Pesce Dorato“, un libro inedito, racconta una storia di eroi, di pinguini, di pesci dorati e, purtroppo, anche di tanta immondizia.

Dal racconto sono stati inventati dei laboratori interattivi che insegnano ai bambini piccoli, di 3-6 anni a distinguere i vari materiali nelle svariate forme e a riporli nei relativi contenitori, il tutto in modo divertente e attivo.

A pensare il progetto Plinki sono state tre mamme che si sono trovate a parlarne in un bar di Trastevere a Roma. Sono tre professioniste: Elisabetta De Mattia, lavora nella casa editrice VEAT, Francesca Giovanna Paloscia, art director che da anni è inserita nel settore della comunicazione visiva ed è un’illustratrice, Pax Paloscia, artista di fama internazionale. L’idea era partita per insegnare ai loro bambini di 4-5 anni l’importanza della raccolta differenziata, è diventa poi un progetto-laboratorio.

Il progetto parte parlando dell’ecosostenibilità, ma non esclude di continuare con intere giornate dedicate alla gestione delle emozioni e del bullismo, del rapporto con la natura e della diversità ed altre tematiche attuali.

I temi già fissati sono “Plinki, un compagno per imparare l’ecosostenibilità: Cosa butti? Dove lo metti? Impara con Plinki”, il 28 marzo alla libreria per bambini “L’Eco di Fata, a Roma, e lo stesso tema l’8 aprile all’Ottimomassimo, un’altra libreria per bambini sempre a Roma; il secondo tema che verrà sviluppato sarà “Plastica, carta, metalli, vetro e umido. Con Plinki ogni cosa al suo posto” previsto per il 28 aprile.

Saranno questi i primi appuntamenti di lettura animata del libro e laboratori durante i quali, attraverso il gioco, i bambini impareranno la distinzione dei materiali: da un enorme sacco i bambini pescheranno scarti di carta, di plastica, di metallo e di vetro e saranno aiutati a riconoscere i materiali e le loro forme, quindi passeranno a riporre ciascun oggetto nel proprio contenitore di appartenenza.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - Insegnare divertendo è sicuramente un metodo valido ed efficace. Mi pare che anche i temi siano molto attuali e mi piacerebbe anche che queste mamme riuscissero a portare il progetto dentro la scuola, che su questo tema già lavora da tempo; le idee nuove fanno bene ed aiutano ad approfondire. Poi mi piacerebbe che entrasse nella quotidianità, ossia nella vita.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!