Iscriviti

Whatsapp diventa a pagamento: la decisione di Zuckerberg sta facendo discutere

Ci sono novità per quanto riguarda la notissima app di messaggistica usata ogni giorno da miliardi di persone nel mondo, ecco che cosa sta succedendo in queste ore.

Internet e Social
Pubblicato il 28 settembre 2022, alle ore 18:52

Mi piace
0
0
Whatsapp diventa a pagamento: la decisione di Zuckerberg sta facendo discutere

Ascolta questo articolo

Nel corso di questi ultimi anni la tecnologia, come si sa, ha fatto dei veri e propri passi da gigante. Gli smartphone hanno davvero rivoluzionato il mondo delle telecomunicazioni, che sono diventate anche “live”, ovvero tramite questi dispositivi è possibile effettuare delle videochiamate in tempo reale per comunicare magari con amici o parenti che vivono molto lontano da noi. Basta soltanto una buona connessione internet per telefonino o su pc.

Una delle più note app di messaggistica istantanea è sicuramente Whatsapp. Quest’ultima viene usata da miliardi di persone ogni giorni, ad ogni latitudine del globo. Nel nostro Paese è tra le più utilizzate. L’applicazione la si può scaricare in maniera gratuita da Google Play, ma le cose stanno comunque per cambiare. Vediamo che cosa sta succedendo. 

Whatsapp diventa a pagamento

Secondo quanto riferiscono i giornali internazionali, a brevissimo Whatsapp potrebbe diventare a pagamento. Come si sa l’applicazione, insieme a Facebook e Instagram, è di proprietà dell’azienda statunitense Meta e fa capo a Marck Zuckerberg. Tramite Whatsapp è possibile come si sa inviare anche file multimediali. 

Nel corso degli anni, l’applicazione è nata nel 2009, le funzionalità di Whatsapp si sono incrementate. Per questo oggi la stessa viene utilizzata da numerose aziende, anche abbastanza grandi, che mantengono così i contatti con i propri dipendenti, si pensi ad esempio alle aziende che hanno i lavoratori posti in smart working. 

Adesso la notizia è che Meta avrebbe intenzione di renderla a pagamento. Ovviamente non si tratterebbe di far pagare un abbonamento agli utenti semplici, ma appunto alle aziende. Pagando una piccola somma di denaro si potrebbe avere l’incentivo di utilizzare la stessa chat su più di due dispositivi. La notizia in questione è stata riportata da WABetainfo. Al momento però da Meta non sono arrivate certezze in questo senso, per cui tutto quello riportato nei paragrafi di questo articolo è parte soltanto di indiscrezioni, per cui il condizionale resta sempre d’obbligo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fede Sanapo

Fede Sanapo - Queste notizie ci fanno capire come a volte, per avere dei servizi in più, le aziende siano anche disposte a mettere a pagamento dei servizi. Ovviamente Whatsapp rimarrà gratuito per tutti gli utenti semplici che ogni giorno si scambiano mesaggi personali, i quali sono anche coperti dalla crittografia end-to-end. E voi sarete disposti a pagare per aver questo particolare servizio?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.