Iscriviti

Playboy segue l’esempio di Elon Musk e cancella il proprio account Facebook

A seguito dello scandalo Cambridge Analytica, anche Playboy decide di rimuovere la propria presenza su Facebook. Pochi giorni fa aveva fatto altrettanto Elon Musk, cancellando gli account Tesla e SpaceX.

Internet e Social
Pubblicato il 29 marzo 2018, alle ore 09:51

Mi piace
19
0
Playboy segue l’esempio di Elon Musk e cancella il proprio account Facebook

Anche Playboy ha deciso di abbandonare Facebook. Lo scandalo di Cambridge Analytica ha sollevato non poca indignazione un po’ in tutto il mondo. Da qui è partita una campagna volta a boicottare il più famoso dei social network. Un utente su Twitter ha per l’occasione lanciato l’hashtag #deletefacebook che insieme a #boycottfacebook sta letteralmente dilagando in rete.

In questo terremoto digitale, i vertici della famosissima rivista erotica hanno fatto sapere per mezzo di un comunicato che si cancelleranno dal servizio di rete sociale che fa capo a Mark Zuckerberg. “Le recenti notizie sul coinvolgimento di Facebook nella cattiva gestione dei dati degli utenti, ha consolidato la nostra decisione di sospendere la nostra attività dalla suddetta piattaforma”.

Con questa scelta rimangono a bocca asciutta qualcosa come 25 milioni di fan. Costoro non avranno più modo di seguire tutte le più recenti novità proposte dalla rivista fondata da Hugh Hefner. Ma il celebre magazine a stelle e strisce è stato categorico: come riportato nel comunicato stesso, Playboy non ha alcuna intenzione di essere complice nelle pratiche che hanno recentemente messo Facebook sotto accusa.

Playboy sarà anche meno famoso rispetto al passato, ma non ha nessuna intenzione di essere coinvolta in scandali legati ad un’impropria gestione dei dati personali. Rimanere legati a Facebook sarebbe stato percepito come un’approvazione della condotta del social network, il cui operato è in contraddizione con i valori del magazine. Da qui non poteva che arrivare la scelta di dirsi addio.

Così, mentre le quotazioni del social network fondato nel 2004 perdono sempre più valore di mercato, dilaga anche il numero di coloro che decidono di voltargli le spalle. Nei giorni scorsi a rinunciare al proprio account Facebook è stato Elon Musk, che con un colpo di spugna ha cancellato Tesla e SpaceX dalla piattaforma californiana. Il tutto era nato da una serie di tweet intercorsi tra Brian Acton, cofondatore di WhatsApp, e lo stesso Musk. Allo scambio di cinguetti si era inserito anche un altro utente, che ha sapientemente provocato il genio visionario di origine sudafricana, sostenendo che se Musk fosse davvero “The Man”, avrebbe avuto il coraggio di cancellarsi da Facebook. La risposta del fondatore di PayPal è stata immediata ed alquanto tranchant: “Non sapevo nemmeno ce ne fosse una. Procedo“.  

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Playboy non vuole più avere niente a che fare con Facebook, così come del resto anche molte altre società ed utenti che vedono sempre più il social network con il fumo negli occhi. Lo scandalo del datagate ha minato la credibilità di un portale che avrebbe invece dovuto proteggere i dati dei suoi iscritti. Negli Stati Uniti simili errori non vengono perdonati: la campagna di boicottaggio, seppur gestita in maniera assai precipitosa, non poteva che essere un atto dovuto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!