Iscriviti

Mediaset Play: arriva la piattaforma live ed on demand del Biscione, accessibile da smartphone, browser, e smart tv

In occasione del varo dei palinsesti autunnali, Mediaset ha presentato - senza troppo clamore - la piattaforma "Mediaset Play", che propone sia i canali live del gruppo, che contenuti registrati (film, serie tv, film) anche discretamente datati nel tempo.

Internet e Social
Pubblicato il 9 luglio 2018, alle ore 18:16

Mi piace
9
0
Mediaset Play: arriva la piattaforma live ed on demand del Biscione, accessibile da smartphone, browser, e smart tv

Era lo scorso anno quando Mediaset, la storica conglomerata multimediale del Biscione di Cologno Monzese, annunciò il prossimo arrivo di una piattaforma multi-device, per lo streaming e l’on demand, che avrebbe proposto il meglio delle dirette e dell’immenso archivio aziendale. Da allora, di tempo ne è passato, anche a causa dell’impegno aziendale con i Mondiali di Russia 2018, ma – ora – i tempi sono maturi per il varo di Mediaset Play. La rivelazione è stata fatta nell’evento di Montecarlo con cui Mediaset ha presentato i palinsesti del prossimo autunno televisivo.

Secondo Pier Paolo Cervi, responsabile del business digital, nel caso di Mediaset Play, si tratta di una piattaforma contenutistica cui è possibile accedere da browser web (all’indirizzo mediasetplay.mediaset.it), da applicazione Android e iOS (con i possessori dell’app “Mediaset On Demand” che dovranno solo attendere un aggiornamento), e da smart TV abilitate (le nuove HbbTV 2.0.1) o integrate (col broadband addendum per i contenuti catch-up).

Purtroppo, manca il supporto a Chromecast che avrebbe permesso di “proiettare” anche sulle TV “normali” i contenuti del progetto. Contenuti che, in linea di massima, sono davvero ampi, rientrando sia nella sfera dei live, che in quella degli on demand.

Nel primo ambito, è possibile accedere ai canali trasmessi ad ogni ora del giorno da Mediaset (Canale 5, Rete 4, Italia 1 e 2, La5, Mediaset Extra, Iris, Top Crime, Focus, 20, e Tgcom24), avvalendosi anche di una comoda Guida TV, mentre – per quel che riguarda i contenuti registrati – è possibile consultare le sezioni Film e Serie TV, organizzate gerarchicamente per ordine di popolarità (es. i più visti del giorno), o quella generalista Tutto A-Z comprensiva anche di diversi show raggruppati per iniziale alfabetica (in ogni caso, tutti i contenuti sono ricercabili anche per parola chiave, tramite l’icona della lente d’ingrandimento in alto a destra). 

Nella gran parte dei casi, i contenuti – risalenti a ben più di una settimana addietro nella programmazione – possono essere fruiti anche senza iscrizione: ottemperando a quest’ultima, però, sarà possibile compilare la propria lista dei preferiti, stoppare e riprendere in seguito la visione di un programma, usare la feature “restart” (guardare dall’inizio un programma già cominciato), ottenere suggerimenti e pubblicità (prima della partenza di un video e – poi – all’interno del roll) progressivamente sempre più mirate, e in linea con i propri gusti. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - L'esordio di Mediaset Play è stato decisamente travagliato: tuttavia, al netto di qualche errore di gioventù (un colore viola inesplicabile tanto quanto l'assenza di chiari richiami ai brand storici del gruppo), e di qualche inconveniente tecnico (l'audio dei video che parte qualche secondo prima delle immagini), la piattaforma - nel complesso - sembra ricca di contenuti e discretamente fruibile: di certo un progetto funzionale a scongiurare la fruizione dei medesimi contenuti su piattaforme di terze parti, spesso illegali e non autorizzate.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!