Iscriviti

Internet non ha età: aiutiamo i più anziani ad entrare nell’era digitale

Loro ci hanno cresciuti e, tenendoci per mano, ci hanno insegnato a volare. Ora tocca a noi: dimostriamo ai nostri nonni che internet non ha età!

Internet e Social
Pubblicato il 20 novembre 2017, alle ore 15:02

Mi piace
2
0

Quando siamo ancora dei bambini siamo molto affascinati dai nostri nonni. Il loro ruolo è fondamentale nella nostra vita, a volte anche più importante di quello dei nostri genitori che per natura devono essere più rigidi e fermi nella loro educazione, per farci crescere.

Ai nonni viene, invece, affidato quel delicatissimo compito di viziare il nipote, di coccolarlo, di donargli amore, fiabe e quel senso di protezione unico che solo una persona con un certo numero di anni alle spalle sa dare.

Per un nipote, un nonno è qualcosa di straordinario, un’entità quasi irraggiungibile, qualcuno che c’è sempre nel momento del bisogno e che giorno dopo giorno attraverso le sue parole semplici è capace di insegnarci qualcosa, è in grado forse più di tutti gli altri di insegnarci a vivere.

Gli anni vanno avanti, la vita cambia, le emozioni si evolvono. Gli interessi prendono il sopravvento sui sentimenti, la frenesia della quotidianità spezza inevitabilmente quei legami che una volta ci facevano tanto stare bene.

Ed ecco che quelle stesse persone, una volta tanto importanti per noi, finiscono per restare sole, quelle braccia che ci hanno dato calore finiscono per restare per troppo tempo conserte, quegli sguardi che ci hanno protetto anche da lontano finiscono per posarsi sul nulla e spegnersi pian piano.

Cosa possiamo fare per evitare tutto questo? Cosa possiamo fare per rendere i nostri nonni ancora parte integrante della nostra vita? Cosa possiamo, ancora, fare per introdurli nel nostro nuovo modo di vivere la vita che non è fatto più di fiabe e carezze ma di ebook e like ad un post?

Se siamo le persone che siamo, in fondo, lo dobbiamo proprio a loro, che ci hanno cresciuto e portato nel loro mondo mano nella mano: il modo migliore per ricambiare quello che hanno fatto per noi è aiutarli ad entrare nel “nostro mondo”, prendendoli per mano e avendo tanta pazienza così come l’hanno avuta loro a suo tempo con noi, correggendo i loro errori così come loro mettevano un cerotto sulle nostre ferite, facendoli diventare autonomi così come hanno fatto loro con noi insegnandoci a volare.

Per non restare fuori dalla società, per non perdere i contatti, per non vivere nella solitudine, oggi bisogna necessariamente entrare a far parte dei social, bisogna per forza avere uno smartphone o un pc, bisogna necessariamente saper scaricare un’app, bisogna a tutti costi voler far parte di quel mondo chiamato “internet”.

Ed il nostro ruolo, ora, non è quello di insegnare ai nostri nonni a volare. Dobbiamo dimostrargli che internet non ha età.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!