Iscriviti

Google: in cantiere un progetto per raccogliere dati sanitari sulla popolazione

A quanto pare Google non smette mai di andare a caccia di nuovi metodi per incassare denaro. L'ultima trovata sembra quella di raccogliere tutti i dati sanitari della popolazione americana. Arriverà anche in italia?

Internet e Social
Pubblicato il 12 novembre 2019, alle ore 16:52

Mi piace
2
0
Google: in cantiere un progetto per raccogliere dati sanitari sulla popolazione

A quanto pare Google ha intenzione, secondo un comunicato ufficiale ANSA, di raccogliere – oltre ai dati personali di tutti gli utenti americani – anche quelli sanitari.

Si immagini di trovare tra le pubblicità Adsense, che fino ad oggi hanno consigliato un frigorifero, un forno, o magari un nuovo gioco per la propria consolle, un medicinale oppure una cura verso una specifica malattia. Decine e centinaia di dottori e professori investiranno un sacco di soldi per accaparrarsi la miglior pubblicità sanitaria e in più, a quanto viene riferito, con la possibilità di avere un target mirato verso il paziente che fa a caso loro.

Quando un’azienda che vende smartphone vuole investire sulla pubblicità online, conosce benissimo i dati degli utenti ed i loro interessi e, per questo, può mirare lo spazio pubblicitario verso quella specifica fascia di persone.

Questo potrà accadere anche a livello medico e sanitario. Se un paziente affetto per esempio da diabete si iscriverà nei gruppi a riguardo della specifica patologia, farà ricerche online per conoscere nuovi metodi di cura e controllo, o semplicemente per informarsi, Google saprà tutto di lui e potrà indirizzare le case farmaceutiche ed eventualmente studi medici e dottori a pubblicizzare cure e medicinali specifici per quella malattia direttamente alle persone realmente interessate.

Molte persone sul web sono convinte che, quando durante le normali conversazioni tra amici o parenti si parla di un futuro acquisto di un articolo o magari di un viaggio, i giorni seguenti appaia la pubblicità di quel determinato articolo desiderato o della meta prefissata per le vacanze, con sconti e promozioni ben mirate.

Negli ultimi anni la tecnologia ha fatto passi da gigante in tutti i campi, senza escludere ovviamente quello della medicina e delle terapie. È innegabile affermare che quest’ultima abbia semplificato tantissime procedure e portato l’uomo a comprendere problematiche che prima risultavano impossibili da risolvere. Sarà vero, come molti affermano, che nei prossimi anni tutta la nostra vita passerà per forza di cose attraverso uno schermo?

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Carlo Alberto Gazzoli

Carlo Alberto Gazzoli - Trovo veramente aggressiva e troppe volte esplicita la pubblicità che ad oggi ci viene proposta e riproposta su internet, sui social, ed anche in televisione. La società di oggi ci spinge ad avere sempre di più, a considerare un articolo fino a ieri irrilevante oggi indispensabile. Oramai, non troviamo nulla di più felice che l'effettuare un qualsiasi acquisto. Stiamo diventando tutti cleptomani?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!