Iscriviti

Gmail: in arrivo le mail dinamiche e interattive, in test la modalità scura o notte

La webmail per antonomasia, Gmail, record app per utilizzatori mondiali e download sul Play Store, si appresta a introdurre, tra una decina di giorni, le mail dinamiche, basate sul formato AMP, e avvia i test per l'introduzione della modalità notte.

Internet e Social
Pubblicato il 22 giugno 2019, alle ore 20:07

Mi piace
9
0
Gmail: in arrivo le mail dinamiche e interattive, in test la modalità scura o notte

Gmail, il client di posta elettronica online realizzato da Google per consentire la gestione delle proprie webmail, nato sul web e poi sbarcato anche in ambito mobile, su Android e iOS, dopo aver iniziato il rilascio per i device mobili della composizione smart delle missive digitali. ormai a regime per tutti, si appresta a lanciare due ulteriori novità, di cui una già pronta da subito, e un’altra prossima all’introduzione, viste le prime avvisaglie emerse. 

Di recente, Google l’ha scampata bella, a proposito del suo celeberrimo (1.4 miliardi di utilizzatori) servizio di posta elettronica, noto come Gmail. Un nuovo pronunciamento, palesato dalla Corte di Giustizia europea, rivela che Gmail non sarà definito un servizio telecomunicazioni, come invece richiesto dalle autorità locali francesi e tedesche, ansiose di poter piazzare in esso una backdoor per analizzare le comunicazioni degli utenti, per necessità di sicurezza o indagini criminali. 

Partendo dalla novità già pronta “per essere servita”, Google ha ufficializzato che, dal 2 di Luglio, partendo sul web e poi passando ad Android/iOS, partirà il rilascio, in due tranche, con la prima chiamata ad esaurirsi in un paio di settimane, di una novità annunciata e sperimentata sin da Marzo, quanto partirono i primi test con partner come Pinterest, Booking.com, redBus, OYO Rooms, etc. 

Nello specifico, si tratta delle mail “dinamiche” basate sul protocollo AMP, già introdotto tempo fa da Google per accelerare la navigazione mobile, risparmiando traffico dati e venendo incontro alle situazioni di scarsa qualità della rete dati. Con un meccanismo simile (AMP for Email), nell’ambito di questa funzionalità resa attiva di default, probabilmente funzionante anche con le caselle postali fornite da Yahoo e Outlook, dai primi di Luglio le email acquisteranno due vantaggi.

Il primo consisterà nel fatto che le mail diventeranno “sempre attuali”, perché ad ogni accesso ad una mail che conterrà un contenuto dinamico (es. l’esito di un lavoro su Google Documents attuato in gruppo), un utente troverà il contenuto aggiornato all’ultima modifica. Il secondo vantaggio risiederà in un aumento della produttività delle Gmail, cagionato – a sua volta – da un più alto tasso di interattività delle mail, che consentiranno di espletare più compiti senza dover abbandonare il servizio di posta elettronica: in questo modo, ad esempio, si potrà scrollare una galleria d’immagini senza accedere a Google Foto, compilare un form di prenotazione, o confermare la propria presenza ad un evento in calendario senza doversi recare su un sito esterno. 

Infine, la seconda novità, non ancora del tutto pronta ad ancora in corso di sviluppo. Android Police, nel corso del suo appuntamento settimanale col teardown delle applicazioni, analizzando la versione 2019.06.09.253132566 di Gmail per Android (reperibile su ApkMirror), ha scoperto come anche quest’ultima, dopo Keep, Calendar, Calcolatrice, Foto, e Files, si avvii a ricevere una modalità scura, o notte (in verità, più impostata sul grigio scuro), risparmiosa della batteria (sugli schermi OLED) e meno stancante per la vista (sia nelle ore notturne, che in caso di malattie agli occhi del calibro della miodesopsia). Ad oggi, al netto di qualche bug, tale modalità non sarebbe attivabile a comando, mancando il pulsante ad hoc, e risulterebbe presente solo nelle impostazioni

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Come webmail, Gmail ha davvero pochi eguali (sebbene in sicurezza prevalga ProtonMail): a livello applicativo, non è ancora al top, rispetto ad alcune app rivali più smart ma, accogliendo a poco a poco le feature testate con Inbox, anche questa lacuna verrà a mancare, e l'introduzione - ormai dietro l'angolo - delle mail dinamiche ne è un chiaro avviso.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!