Iscriviti

Facebook: soluzione per i test fragili e portabilità multimediale verso Google Foto

Facebook si avvia a consentire (per ora via test limitato) la portabilità verso altre piattaforme dei dati caricati dall'utente sul suo social: nell'attesa che ciò avvenga per tutti, una novità potrebbe migliorare la qualità dei test interni della piattaforma.

Internet e Social
Pubblicato il 2 dicembre 2019, alle ore 15:57

Mi piace
11
0
Facebook: soluzione per i test fragili e portabilità multimediale verso Google Foto

Anche nelle fasi di calma apparente, Facebook lavora sottotraccia per innovare la sua piattaforma, come dimostrato da un’iniziativa che andrà a migliorare il modo in cui vengono condotti i test interni, e come confermato da una sperimentazione attualmente in corso relativa al trasferimento dei contenuti verso altre piattaforme.

Menlo Park, qualche tempo addietro, ha promosso – tramite la divisione Facebook Research – un concorso internazionale relativo ai test fragili, intendendo come tali (in inglese Flaky Tests) quei collaudi che si concludono male a causa di variabili casuali non legate ai difetti del software testato, quanto alla complessità dei dati analizzati nel quotidiano.

Il problema è che uno stop, al di là che sia dovuto a problemi del software messo alla prova, o al test stesso, si traduce in rallentamenti, in attesa anche di capire quale sia la natura e l’origine del fallimento, nel varo del software o della funzionalità attenzionati: a quanto pare, il team che ha vinto il bando, nella fattispecie l’Istituto di Scienza e Tecnologia dell’Informazione di Pisa (Cnr-Isti), avrebbe elaborato una soluzione predittiva che, in luogo di quella standard, basata sull’esecuzione simultanea di tanti test onde scremare quelli fragili, è risultata efficace nell’80% dei casi nell’identificare ab origine la fragilità di un test, con conseguente maggiore speditezza nell’elaborazione e nel rilascio delle novità.

A proposito di novità, il noto social in blu ne ha incominciato a testare una molto interessante in Irlanda, facendo seguito al suo impegno nel progetto di Data-Transfer Project, nato lo scorso anno su sollecitazione della normativa GDPR: in pratica, nella stessa area della piattaforma da cui è possibile scaricare i dati, previo inserimento di una password, sarà possibile avviare la portabilità dei propri elementi multimediali (foto e video caricati su Facebook), criptati, verso un servizio alternativo.

Ad oggi, grazie all’impiego di uno standard di dati facilmente leggibile da più parti ed all’uso di API open source esistenti, ciò è possibile verso Google Foto, ma in futuro verranno coinvolti anche altri soggetti e, verso la prima fase del 2020, tale feature sarà messa a disposizione di tutti

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - La prima notizia in ambito Facebook potrebbe sembrare destinata ai puri amanti dei tecnicismi ma, in realtà, ha ricadute pratiche anche noi utenti comuni, visto che permette di condurre test meno soggetti a fallimenti e, quindi, più rapidi nell'arrivare al varo finale di una funzione o di un servizio. Considerando quanto ci mette oggi Facebook per varare novità banali come gli sticker o la dark mode, ben venga anche un metodo diverso per condurre i test. Intanto, a quanto pare, dovremo attendere diversi mesi prima di poter migrare foto e video verso lidi presuntamente più sicuri.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!