Iscriviti

Facebook amplia gli orizzonti alla musica. Aspettiamo la risposta di Twitch

Mentre Twitch, la nota piattaforma di streaming, sceglie di silenziare le live contenenti musica protetta da copyright, Facebook ne approfitta stipulando accordi con le più famose case discografiche e garantendo l'uso della musica in piena libertà.

Internet e Social
Pubblicato il 16 settembre 2020, alle ore 19:19

Mi piace
6
0
Facebook amplia gli orizzonti alla musica. Aspettiamo la risposta di Twitch

Mixer chiude i battenti e Twitch rimane imbattuta in classifica come piattaforma di streaming, ma è ancora troppo presto per cantare vittoria. Nell’ultimo periodo la nota piattaforma in viola ha dovuto affrontare un argomento che spesso ha ignorato, comportando malcontento e sanzioni non meritate. Tale argomento riguarda proprio le norme di copyright inerenti alla musica.

Le problematiche sarebbero sorte intorno al Giugno 2020, quando alcuni streamers avrebbero ricevuto delle notifiche che riguardavano delle clip video appartenenti a qualche anno fa, e che segnalavano l’avvenuta violazione delle norme prima citate, comportando una sanzione chiamata copyright strikes. Tali sanzioni risultano come delle campanelle d’allarme, in quanto, al raggiungimento di 3 copyright strikes, si passerebbe al ban dalla piattaforma e, di conseguenza, alla cancellazione del canale. 

Oggi giorno la situazione sembra essersi regolarizzata, nonostante molti streamers abbiano scelto di non usufruire più delle tracce musicali durante le proprie dirette live, evitando in questo modo eventuali problemi futuri. Mentre Twitch pensa ancora a una soluzione riguardante l’uso della musica, entra in scena Facebook, la quale propone un uso libero della musica regolarizzato tramite accordi stipulati con alcune delle più famose case discografiche, il tutto presente sulla propria piattaforma di streaming, ovvero Facebook Games.

L’uso della musica sulla piattaforma Facebook Games sarà totalmente gratuito. Ogni utente avrà la possibilità di scegliere tra una vasta gamma di musica presente nella libreria, come ad esempio le musiche offerte da Sony Music e Universal, due delle principali case discografiche che partecipano all’accordo. Tale progetto non beneficerà solo gli utenti, ma potrà esser anche un punto di riferimento per tutti i musicisti. Sono in molti i musicisti che hanno trovato successo solo perché il loro brano è stato riprodotto durante le dirette live di streamers famosi. 

Resta solo da vedere come si evolverà la situazione. Non sappiamo come Twitch risponderà alla situazione: ciò di cui siamo sicuri è che Facebook ha fatto una grande mossa che potrebbe costare migliaia di utenti alla piattaforma viola. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Nicola Ivu

Nicola Ivu - Facebook ha fatto la scelta giusta al momento giusto. Nonostante la musica non risulti un aspetto fondamentale che possa spingere un utente a cambiare piattaforma, quest'ultima ha un valore considerevole durante le dirette live. Twitch deve prendere le sue decisioni e scegliere come agire, ma può tranquillamente proseguire al solito ritmo dato che un cambio di piattaforma non consiste solo nello spostare la propria immagine e figura, ma anche nello spostare la propria community da una parte all'altra, aspetto che non tutti sarebbero felici di fare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!