Iscriviti

Causa coronavirus, i big del web puntano su automazione e intelligenza artificiale

Nelle ultime ore, diversi grandi player della rete Internet, social e fornitori di servizi vari, hanno comunicato che, nell'ambito delle misure anti coronavirus, molto del personale umano sarà lasciato a casa, puntando sull'automazione, con conseguenze varie.

Internet e Social
Pubblicato il 17 marzo 2020, alle ore 11:35

Mi piace
6
0
Causa coronavirus, i big del web puntano su automazione e intelligenza artificiale

In tempi di coronavirus, il consiglio che viene da più parti per contenere l’epidemia è quello di limitare gli spostamenti, ed evitare assemblamenti. Di conseguenza, le grandi multinazionali del web, presa consapevolezza della situazione, hanno iniziato ad organizzarsi all’insegna, ove possibile, dello smart working e, ovviamente, dell’automazione via intelligenza artificiale, con tutte le conseguenze del caso, ben rese note attraverso vari comunicati.

Google, nello specifico, ha premesso che, per alcune mansioni in cui è necessario per privacy un contatto diretto con dati sensibili (es. chi aiuta a recuperare un account hackerato o una password persa), sarà necessario continuare a recarsi in sede, sebbene ci si sia attivati per far sì che meno persone debbano recarsi fisicamente in ufficio concedendo loro una forma di accesso remoto.

Nello specifico caso di YouTube, la moderazione dei contenuti verrà affidata agli algoritmi che, però, essendo meno accurati del personale umano, potrebbero portare un maggior numero di errori, con più contenuti ambigui approvati o contenuti legittimi rimossi per errore, e tempi per i ricorsi, contro i contenuti rimossi, allungati sensibilmente.

Anche Twitter ha ammesso qualcosa del genere, precisando che, in questo periodo in cui farà maggiormente affidamento sul machine learning per la moderazione dei contenuti, i suoi sistemi di revisione potrebbero risultare meno efficienti degli standard abituali ma che, proprio per tale ragione, nei casi in cui la decisione sia maturata solo sulla base di una revisione digitale, non si procederà alla sospensione permanente di un account “incriminato”.

In un comunicato del 16 Marzo, anche Facebook ha preso posizione sul tema e, dopo aver premesso che, per varie ragioni, “certi lavori non possono essere fatti da casa“, ha aggiunto di essere comunque in contatto con i partner di terze parti che si occupano di revisione dei contenuti affinché lascino a casa i dipendenti a contratto. Ciò, anche nel caso del social in blu, comporterà un maggior ricorsi agli automatismi, con conseguenti possibili errori e allungamento dei tempi per rimediare, sebbene non in una misura troppo impattante per l’esperienza utente. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Anche i grandi big del web, in questo periodo, devono affrontare grane non da poco: da una parte devono vigilare contro le fake news che possono girare sul tema coronavirus, e dall'altra non possono far troppo ricorso al personale umano accalcato nelle loro sedi, dovendosi affidare ad algoritmi non intelligenti quanto si vorrebbe far credere.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!