Iscriviti

Attacco hacker su Facebook: venduti i dati personali

L'attacco hacker su Facebook della scorsa setimana ha determinato la vendita dei dati personali ottenuti. Il giro d'affari della dark web è notole ma i rischi per gli utenti hackerati è maggiore

Internet e Social
Pubblicato il 9 ottobre 2018, alle ore 09:22

Mi piace
2
0
Attacco hacker su Facebook: venduti i dati personali

Dopo l’annuncio della scorsa settimana relativa all’attacco hacker di circa 50 milioni di profili attivi su Facebook, è stato reso noto che i dati personali sono stati messi in vendita.

Le informazioni che si possono acquisire valgono dai 3 ai 12 euro sul dark web e possono essere utilizzate in modi differenti. Si tratta di utilizzo per l’invio di promozioni e pubblicità ma anche per fini illegali: truffa, furto d’identità e ricatti.

L’attacco hacker

Secondo quanto è stato reso noto, la settimana scorsa sono stati violati circa 50 milioni di profili attivi su Facebook. Improvvisamente, i profili degli utenti che sono stati vittime di hackeraggio si sono disconnessi improvvisamente da tutti i dispositivi. Ciò a comportato che i dati rilevati sono finiti nelle mani di altre persone. Sfruttando le informazioni raccolte, i rischi e i danni sono molteplici. Oltre alla vendita di informazioni a terzi, chi è stato hackerato rischia furto d’identità, truffe e ricatti.

La scoperta

A rivelare la vendita dei dati personali presenti sui profili attivi su Facebook di circa 50 milioni di utenti è stato il sito The Independent.

Queste informazioni, pagate nel dark web dai 3 ai 12 euro in bitcoin per persona comporta un valore sul mercato di 150 e 600 milioni.

Secondo quanto riportato dalle ricerche della società Money Guru, le informazioni relative ai nostri dati personali presenti nei vari siti a cui siamo registrati hanno un valore in rete di circa 850 euro. Le informazioni più richieste e pagate sono quelle relative ai dati finanziari, incluse carte di credito, banking online e PayPal. È lo stesso esperto di sicurezza Bill Corner, a spiegare che “Le informazioni personali sono merce preziosa, le società devono usare tutti i loro mezzi per proteggere diligentemente reti, dispositivi e utenti”.  

A seguito della violazione dei dati personali, Facebook rischia una multa di 1.63 miliardi di dollari.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giovanna Barone

Giovanna Barone - I rischi della rete. Per quanto si voglia essere social bisogna ricordarsi di stare attenti a cosa si pubblica. particolare attenzione deve essere data alle informazioni che si aggiungono o inseriscono nei moduli di registrazione. I rischi e le ripercussioni degli utenti che sono stati hackerati sono tantissimi e anche gravi

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!