Iscriviti

Attacco hacker colpisce 99 paesi. Europol: attacco devastante

Un attacco hacker di dimensioni mondiali. Europol: "Stiamo aiutando i paesi colpiti, attacco ransomware senza precedenti, è richiesta un'indagine internazionale".

Internet e Social
Pubblicato il 13 maggio 2017, alle ore 17:15

Mi piace
10
0
Attacco hacker colpisce 99 paesi. Europol: attacco devastante
Pubblicità

Si chiama “WannaCry” l’attacco informatico globale che ha attaccato creato disagi e problematiche a più di 75mila computer nel mondo. La BBC afferma che sono 99 i paesi colpiti, tra questi anche Cina e Russia, e che sono stati usati strumenti rubati alla National security agency statunitense (Nsa).

Sono state colpite società, organizzazioni, e anche ospedali: in particolare, è stato colpito il sistema sanitario nazionale britannico (NHS) in Inghilterra e Scozia.

 40 sono gli ospedali colpiti solamente in Gran Bretagna: l’attacco ha provocato enormi disagi tra cui cancellazioni di documenti e appuntamenti con i pazienti.

Da un momento all’altro, i computer sono stati bloccati ed è comparsa nello schermo un messaggio che chiedeva il pagamento di 300 Bitcoin per lo sblocco, e due conti alla rovescia: alla scadenza di uno dei due, il denaro richiesto verrà maggiorato, alla scadenza dell’altro tutti i dati andranno persi per sempre.

Non solo il sistema nazionale britannico, l’attacco informatico ha colpito anche i computer di Telefonica in Spagna, quelli di Portugal Telecom, i computer delle ferrovie tedesche, quelli di FedEx, i computer del ministero dell’interno russo, e il sistema informatico della Renault. La portavoce dell’azienda di Boulogne-Billancourt ha spiegato che, da ieri, i tecnici sono a lavoro per risolvere il problema, ma sono stati costretti a fermare la produzione in diversi impianti in Francia. 

L’attacco è stato fermato parzialmente da un giovane 22enne, esperto di cybersecurity. 

Il ragazzo ammette di aver fermato WannaCry quasi per caso: ha semplicemente acquistato, per 10,69 dollari, il nome del dominio nascosto nel programma pirata, impedendone così la diffusione, soprattutto negli Stati Uniti.

L’esperto 22enne ha usato e attivato un interruttore-killer, già scritto nel malware stesso, il quale era stato messo a punto da chi ha creato il virus, per disattivarlo nel caso occorresse.

Il ragazzo ha confessato di aver notato che WannaCry, quando attaccava un computer, provava a contattare la pagina web; se falliva, il malware procedeva con l’attacco, ma se raggiungeva il contatto, aveva successo e si fermava. WannaCry, se non poteva avere accesso al dominio acquistato dal giovane, avrebbe vagabondato per la Rete in cerca di nuovi siti da attaccare, fino a disattivarsi, come infine è successo. 

Sicuramente, una grandissima intuizione che – però – non ha evitato l’attacco in Europa e Asia: almeno, ha potuto salvare migliaia di computer negli Stati Uniti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Alessandro Gardellin

Alessandro Gardellin - Un attacco devastante, solamente se si prova a pensare a 300 dollari, che - per ospedali, società dai fatturati milionari, e ospedali - non sono niente, moltiplicati appunto per tutti i 75 mila computer colpiti. Potenzialmente, 22.5 milioni di dollari in mano alla cyber criminalità. Il problema più grande è che sono ancora davvero poche le persone in grado di spegnere sul nascere problematiche di livello informatico, sfortunatamente sempre più in crescita.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!