Iscriviti

"Verissimo", colpo di scena durante l’intervista a Tiziano Ferro: la rivelazione di Silvia Toffanin

Al termine di un'intervista piena di pathos e racconti inediti riguardanti la vita del celebre cantante, Silvia Toffanin ha fatto una dichiarazione che ha lasciato tutti a bocca aperta.

Televisione
Pubblicato il 20 dicembre 2020, alle ore 10:19

Mi piace
8
0
"Verissimo", colpo di scena durante l’intervista a Tiziano Ferro: la rivelazione di Silvia Toffanin

Ospite dell’ultima puntata di “Verissimo“, Tiziano Ferro si è mostrato ancora una volta spietatamente sincero, capace di aprirsi al suo pubblico per raccontare non solo i suoi successi, ma anche e soprattutto le sue sconfitte, i momenti in cui ha pensato di gettare la spugna e le volte in cui è caduto, rischiando di perdere tutto. Per molti versi, nel talk-show di Canale 5 il cantante ha ripercorso gli argomenti trattati nel suo documentario disponibile in esclusiva su Amazon Prime, dal titolo emblematico “Ferro”.

In primis l’alcolismo, una tematica che in precedenza non aveva mai neanche sfiorato. Se infatti aveva indugiato a lungo sulle difficoltà legate alla sua omosessualità e sul tormentato percorso alla ricerca di un corpo normale, in costante lotta con la bilancia e con quel sovrappeso che l’ha portato tra le altre cose a essere vittima di bullismo, nel documentario Tiziano Ferro parla invece per la prima volta della dipendenza dall’alcol.

La dipendenza dall’alcol e il colpo di scena

Una dipendenza, quella dalla bottiglia, che come tutte le dipendenze – dalla droga, dal cibo, dall’adrenalina – nasce spesso dalla paura. La paura di non farcela, di essere inadeguati, immeritevoli di amore. La paura di essere abbandonati, com’è stato per Tiziano e per molti ragazzi come lui. Paradossalmente, Ferro ha cominciato a bere dopo il suo primo tour di successo, quando finalmente ce l’aveva fatta.

Lui credeva di controllare l’alcol, ha spiegato a Silvia Toffanin, ma in realtà era esattamente il contrario. E il suo ex compagno, con cui conviveva da tre anni, l’aveva capito e se n’era andato per questo motivo. Il cantante a un certo punto era seriamente spaventato, perché aveva solo 34 anni e un fegato al limite della cirrosi epatica; se avesse continuato così, probabilmente sarebbe morto entro qualche anno.

Per fortuna sono arrivati gli alcolisti anonimi, e con essi anche la voglia di aiutarsi e farsi aiutare. Ma se questo racconto non è di certo nuovo per i fan che hanno visto il documentario, anche loro sono rimasti a bocca aperta per il colpo di scena finale dell’intervista. Tiziano Ferro, infatti, è letteralmente svanito nel nulla! Sì, perché è stata solo la tecnologia a far sì che lui e la Toffanin fossero uno davanti all’altra: in realtà il cantante nel mentre si trovava a New York, impossibilitato a spostarsi per via del lockdown.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rossella Martielli

Rossella Martielli - La tecnologia fa miracoli e l'intervista della Toffanin a Tiziano Ferro, che si trova esattamente dall'altra parte del mondo, lo dimostra appieno. Il cantante e la conduttrice sembravano davvero seduti uno di fronte all'altra, mentre in realtà si trattava di una proiezione. Ma questa sorta di illusione tecnologica non ha tolto nulla alla profondità e alla sincerità delle parole dell'amatissimo cantante.

Lascia un tuo commento
Commenti
Sabrina Giorgi
Sabrina Giorgi

21 dicembre 2020 - 16:49:06

ma qual è la dichiarazione?

0
Rispondi